Browsing articles tagged with " veneto"

Lo smemorato di Nogara

lo_smemorato_di_collegno

Il Sindaco, e non solo lui, sosteneva che il ‪Veneto non fosse commissariato per i ritardi nella realizzazione della Rems‬. Anche martedì 2 febbraio, in occasione della visita alla struttura di Nogara‬, durante una riunione gli ho ricordato che non è così e che il Veneto, assieme ad altre regioni d’Italia, è commissariato per i ritardi nella realizzazione della struttura.
Del commissariamento della Regione Veneto se ne parla dall’ormai lontano marzo 2015. Infatti il Corriere di Verona titolava «Veneto: Ospedali psichiatrici addio. Regione senza alternative, in arrivo un Commissario». Il settimanale “La vita del popolo” titolava «Inadempiente sugli OPG, Zaia commissariato». Evidentemente il nostro Sindaco non era al corrente di questi articoli. Oggi, sul quotidiano L’Arena, leggiamo questo interessante articolo dal titolo «Rems, Regione commissariata. Il Governo invia un deputato».

L'Arena12022016-pag43-small

Interessante è anche la dichiarazione del Sindaco che, evidentemente, si è ricordato solo ieri del commissariamento da parte del Governo, dichiarando addirittura che si aspettava questo provvedimento. «Ci aspettavamo questo provvedimento, ora occorre che il commissario faccia bene il suo lavoro e che la Rems venga realizzata senza alcun tentennamento. Ci sono i soldi e ci sono già i progetti definitivi. Il Comune attende fiducioso che quanto previsto venga fatto nei tempi fissati, come disse la Regione».
Vedremo ora cosa accadrà e come si procederà con la realizzazione della struttura definita che dovrebbe sorgere su 10.000 mq del lascito Stellini con altra cementificazione e altro spreco di suolo. In qualità di Consigliere Comunale del M5S, nel marzo del 2015, ho chiesto che si esprimessero i nogaresi sull’insediamento o meno della Rems a Nogara, con un apposito referendum consultivo. Il sindaco rispose «non ci penso nemmeno!»

P.S. La Rems a Nogara è stata voluta dall’Amministrazione Mirandola in completa sintonia con l’Assessore Luca Coletto, assessore alla Sanità Regionale Veneta in quota Lega Nord. In occasione del consiglio comunale del 24 febbraio 2014 i rappresentati della Lega Nord nogarese (Falco e Montemezzi) hanno abbandonato l’aula senza votare, di fatto senza opporsi con voto contrario alla realizzazione della Rems.

Share Button

Alluvione Veneto: ecco le 6 proposte M5S contro i disastri naturali

alluvioneveneto

gio-down

È accaduto nel 2010. È accaduto nuovamente nel 2013. È toccato alla Liguria, all’Emilia, al Lazio, alla Calabria, alla Sardegna. Il 2014 è appena iniziato ma già gran parte del Veneto è finita sott’acqua, ed è solo l’ultima delle Regioni colpite: l’Italia intera sta franando. Il Veneto, una delle regioni più industrializzate del paese sta vivendo ormai da diversi anni in uno stato di emergenza perenne. Non si contano i canali esondati, in molti paesi il livello dell’acqua ha raggiunto gli scantinati e il piano terra delle abitazioni. Disagi che si sommeranno, a breve, ai danni all’agricoltura. Se saranno limitati, sarà solo per il periodo dell’anno: in molti casi non sono ancora iniziate le semine, ma per alcuni tipi di raccolti la stagione potrebbe già essere compromessa.
All’attività parlamentare dei deputati e dei senatori del MoVimento 5 Stelle, che da tempo si battono per prevenire il rischio idrogeologico e che recentemente hanno denunciato il “condono preventivo” nascosto nel decreto IMU/Banca d’Italia, si aggiunge anche il coordinamento tra i portavoce in Parlamento e i gruppi territoriali, che continuano a denunciare il consumo del territorio.
Come risultato del lavoro comune, in Parlamento abbiamo presentato ottime leggi e mozioni sul consumo del suolo, con limiti veramente stringenti, ma la maggioranza le ha bloccate. Sono ben 6: se si approvassero tutte, il Paese verrebbe messo in sicurezza, e con un’ottima ricaduta sui posti di lavoro. Eccole, ve le riproponiamo.

spuntaProposta di legge su “Disposizioni per il contenimento del consumo del suolo e la tutela del paesaggio” (già in discussione in Commissione Ambiente). Perché la base di tutto è una gestione corretta e rispettosa del territorio.

spuntaMozione sul rischio idrogeologico e sismico (APPROVATA, ma il Governo non ha ancora recepito).

spuntaProposta di legge sullo svincolo del patto di stabilità per le spese degli enti territoriali relative a ripristino, previsione e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico (Spesso gli enti territoriali hanno in cassa fondi per intervenire adeguatamente e mettere in sicurezza il territorio per far fronte a vecchie e future emergenze ambientali. La prevenzione e la messa in sicurezza del territorio sono fondamentali per limitare l’impatto delle calamità naturali).

spuntaProposta di legge “geobonus” (agevolazioni fiscali per chi investe in sicurezza del territorio e difesa del suolo).

spuntaRisoluzione per la divulgazione tramite “Pubblicità Progresso” delle principali norme di comportamento da tenersi prima, durante e dopo un terremoto, che possono aiutare a mitigare le conseguenze dei terremoti sulla popolazione.

spuntaProposta di legge per “Limiti all’impiego di sostanze diserbanti chimiche” (Proposta per lo stop all’uso di questi prodotti lungo le strade, carrarecce, etc, visto che questa pratica porta al deterioramento del tappeto erboso naturale e conseguentemente ad erosione, dilavamento e franamento del terreno sulle sedi stradali)

P.S. Dedicato a tutti quelli che continuano a sostenere che il MoVimento 5 Stelle non sta facendo nulla.

Share Button

Bisogna cercare altre “VIE”

amianto

La Commissione VIA in Veneto ha un potere smisurato rispetto ad altre regioni italiane. Dovrebbe essere istituita per salvaguardare salute e territorio da progetti impattanti (es discariche, nuove strade, etc) ma in realtà è una “finta” commissione tecnica costituita da nominati della politica ed affaristi.
Nel caso in questione è stato chiaro sin dall’inizio la volontà di cercare in tutti i modi di approvare la discarica di amianto di Roverchiara. Il suo presidente è Vernizzi, coinvolto in mille “conflitti di interesse”. La competenza degli altri membri poi non rispetta ciò che dice la legge e molti sono caratterizzati da conflitti di interesse rispetto agli stessi progetti che devono giudicare.  Cade quindi nel modo più totale la fiducia in questo organismo che non è assolutamente imparziale e tecnico ma parziale e fintanto fazioso.

File correlati:
Il tempo che resta
Il P.E. approva la relazione di Zanoni sulla nuova direttiva di Valutazione Impatto Ambientale VIA

Share Button

Zero Privilegi Veneto: le firme sbarcano a Venezia

Ieri, 10 ottobre 2012, siamo “sbarcati” a Venezia con una telecamera, due trolley e 5800 firme di cittadini veneti che vogliono dare un taglio vero ai privilegi della casta. Una casta che non rappresenta più nessuno, se non se stessa. Una casta che si arrocca nel palazzo e cerca di difendere privilegi indifendibili ed intollerabili, mentre i cittadini lottano tutti i giorni con continui tagli alla sanità, alla scuola, ai servizi essenziali. Cittadini che non mollano difronte ad un sistema economico che non funziona più, non mollano davanti alla perdita del posto di lavoro e alla perdita del potere d’acquisto. I tagli previsti dai nostri politici vanno sempre e solo in un’unica direzione: la nostra.
Ieri a Venezia pioveva, ma questo non ci ha fermato e abbiamo portato a termine la nostra missione. Abbiamo consegnato in Regione le firme dei cittadini veneti che vogliono una politica sobria, senza privilegi e al servizio del cittadino.
La proposta di legge popolare Zero Privilegi Veneto si divide in due parti. La prima parte prevede la riduzione dell’indennità lorda di funzione, l’abrogazione dell’indennità lorda aggiuntiva e l’abrogazione della diaria. Il progetto, inoltre, prevede la revisione totale dei rimborsi di cui beneficiano i Consiglieri, sostituendoli con rimborsi che coprano le spese effettivamente e realmente sostenute nell’esercizio delle funzioni. La seconda parte è volta all’abolizione dell’assegno vitalizio fin dalla presente legislatura, dell’assegno di reversibilità e dell’assegno di fine mandato. (qui il testo integrale).
A questa fantastica avventura hanno partecipato i gruppi di Belluno, Bovolone, Cerea, Chioggia, Gazzo Veronese, Isola della Scala, Legnago, Nogara, Pescantina, Rovigo, San Giovanni Lupatoto, Sarego, Schio, Sommacampagna, Venezia, Verona, Vicenza, Vigasio, Vigodarzere, Vigonza, Villafranca di Verona e Zevio, i quali in sei mesi hanno raccolto le firme. Dopo un anno di lavoro non ci resta che attendere. Ci vorranno circa due mesi per avere risposta sull’esito del controllo delle firme da parte degli uffici della Regione Veneto. Le firme necessarie erano 5.000, noi per non sbagliare ne abbiamo raccolte, certificate e consegnate 5.800.
Un grazie particolare ai ragazzi di Villafranca di Verona in quanto si sono dati molto da fare per l’elaborazione e la stesura del testo della legge. Grazie a tutti i gruppi sparsi per il Veneto che hanno deciso di partecipare e collaborare a questa avventura. Stay tuned!


Share Button

Comunicato Stampa: ZeroPrivilegi Veneto

Dallo scorso aprile in tutto il Veneto è in corso una campagna di raccolta firme a sostegno di una proposta di legge popolare per iniziare, anche in Veneto, a dare dignità ad una politica oramai priva di ogni credibilità nei confronti dei cittadini.
Sabato 29 e domenica 30 settembre 2012 ci sarà ancora la possibilità per i cittadini veronesi di dare il loro contributo per dare un forte segnale al Consiglio Regionale del Veneto finalmente sotto i riflettori dell’opinione pubblica nazionale.
Ci saranno banchetti a Verona sabato mattina 29/9 al mercato dello Stadio e domenica mattina 30/9 in via Roma (MoVimento 5 Stelle Verona), a Villafranca in piazza Duomo (Meetup Grillo per Villafranca) e a San Giovanni Lupatoto sul viale pedonale di piazza Umberto (MoVimento 5 Stelle S.Giovanni Lupatoto).
Il comitato promotore, composto da consiglieri del M5S e componenti dei Meetup degli Amici di Beppe Grillo, ha elaborato un testo di legge per eliminare privilegi di casta, privilegi che anche in Veneto stanno finalmente emergendo all’opinione pubblica: dimezzamento dell’indennità di consigliere regionale, eliminazione delle diarie e dei rimborsi spesa forfettari, limitazione dei rimborsi spese a piè di lista per le sole attività istituzionali (no campagna elettorale, no autostrada gratis, no cene con elettori, no convegni di partito), rimborsi a km per uso auto propria con tabelle ACI per auto media cilindrata con disincentivo a favore dei mezzi pubblici, stop a auto e barche blu e assegnazione dei mezzi esistenti ai Comuni per servizi socio-assistenziali, stop da subito ai vitalizi, stop da subito a indennità di fine mandato, obbligo di rendicontazione e dettagliata sul web di ogni utilizzo di fondi pubblici.
Le firme raccolte saranno portate entro il prossimo 11 ottobre 2012 al Consiglio Regionale del Veneto. Con la presentazione della proposta di legge regionale di iniziativa popolare ZeroPrivilegi Veneto inizia un percorso di analisi dei costi della Regione Veneto e trasparenza dell’utilizzo dei soldi pubblici: è in preparazione una nuova iniziativa per fare chiarezza sull’ammontare dei fondi ai gruppi consigliari e sul loro utilizzo. Ad oggi non esiste nessuna trasparenza su questi fondi e solamente le inchieste della magistratura stanno in questi giorni facendo emergere (con i casi del Lazio, della Campania e del Veneto) l’urgenza e la gravità dello sperpero di risorse pubbliche ai danni dei cittadini e delle istituzioni democratiche.

Verona, 26/9/2012

Comitato Promotore ZeroPrivilegi Veneto
sito: www.zeroprivilegiveneto.org
email: info@zeroprivilegiveneto.org
twitter: @ZeroPrivVeneto
facebook: ZeroPrivilegiVeneto

Share Button

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016