Browsing articles tagged with " scuolabus"

La non risposta dell’assessore Brunelli

Question

All’assessore ai Servizi Sociali abbiamo chiesto due cose (questo il link all’interrogazione http://is.gd/yuJGz2). La prima: quali e quanti sono i prodotti tipici regalati dall’amministrazione di Fermo, la seconda: a quante e a quali famiglie nogaresi sono stati distribuiti i beni. Questa la risposta che ci è arrivata dall’assessore:

Facendo seguito alla Sua interrogazione presentata l’11 luglio 2013 in merito alla cessione al Comune di Fermo di uno scuolabus, si precisa quanto segue:

con deliberazione di Giunta Comunale n. 25 del 19/03/2013 si è deciso di procedere all’alienazione del pulmino comunale Fiat IVECO immatricolato nel 1994 a mezzo asta pubblica per un importo di Euro 6.000,00 tenuto conto che l’Amministrazione utilizzava detto mezzo solo una o due volte l’anno;
che nei termini previsti (14 maggio 2013) non è stata presentata nessuna offerta;
che già nel novembre 2012 il Sindaco di Fermo aveva formulato richiesta di acquisto del dismesso scuolabus;
che dopo la diserzione della gara, considerando i costi di mantenimento del mezzo, l’Amministrazione ha deciso di cedere il pulmino al Comune di Fermo alle seguenti condizioni: versamento di Euro 500,00 al Comune di Nogara, spese di passaggio della proprietà a carico del Comune di Fermo, prestito di stampe storiche della biblioteca di Fermo (valore Euro 1.000,00), forniture di confezioni di prodotti tipici del territorio fermano per un valore di Euro 1.500,00 da donare a persone bisognose di Nogara.

Ad oggi, si è proceduto con la cessione del mezzo, il Comune di Fermo ha liquidato gli Euro 500,00 e trasmesso in data 15 luglio 2013 note per l’organizzazione della futura mostra ove esporre le stampe di Giovanbattista e Giandomenico Tiepolo. Gli assessori ai servizi sociali stanno definendo le quantità da donare, durante le feste natalizie, a persone bisognose.

La nostra interrogazione ci sembrava chiara, sicuramente ci siamo spiegati male. Chiedevamo solamente quanti e quali prodotti ha donato il Comune di Fermo e, soprattutto, a quante e quali famiglie nogaresi sono stati distribuiti. Nella risposta si legge: “gli assessori ai servizi sociali stanno definendo le quantità da donare a persone bisognose“, non sapevamo che ci fosse più di un assessore ai servizi sociali, la cosa ci risulta nuova.
Di fatto alla nostra interrogazione non è stata data risposta in quanto l’assessore ha raccontato la cronistoria della “vendita” dello scuolabus, ma non ci è stata data risposta alle nostre due domande. Ripresenteremo l’interrogazione dopo le feste natalizie per sapere quali prodotti ha donato il Comune di Fermo e a quali famiglie nogaresi l’amministrazione attuale le ha donate.

Share Button

Due interrogazioni all’Assessore ai Servizi Sociali

servizi-sociali

Informazioni da Nogara 5 stelle

Giovedì pomeriggio abbiamo protocollato due nuove interrogazioni. La prima riguardante lo scambio di doni avvenuto tra il Comune di Nogara e il Comune di Fermo nell’occasione della donazione dello scuolabus. La seconda riguardante i residenti presso la vecchia sede della stazione ferroviaria di Nogara.
Per la prima interrogazione abbiamo preso spunto dall’articolo apparso sul quotidiano L’Arena in data 15 giugno 2013 dove il sindaco dichiara «Abbiamo fatto un bando per venderlo ma è andato a vuoto, così abbiamo pensato di regalare lo scuolabus a Fermo in cambio di prodotti tipici che distribuiremo alle famiglie bisognose del nostro paese». Visto che lo scuolabus è stato donato, a loro insaputa, dai cittadini nogaresi e considerato che, dopo un mese dalla donazione sul nuovo sito istituzionale del Comune di Nogara non vi è nessuna rendicontazione, abbiamo deciso di chiedere delucidazioni. Nello specifico abbiamo chiesto quali e quanti prodotti tipici sono stati regalati dall’amministrazione di Fermo all’amministrazione di Nogara e a quante e quali famiglie nogaresi sono stati distribuiti i beni. Naturalmente i nominativi che ci verranno comunicati (se ci verranno comunicati) non saranno divulgati in ottemperanza al Decreto Legislativo n. 196 del 30/06/2003, ovvero la cosiddetta legge sulla privacy. Abbiamo deciso di porre questa interrogazione perché ci è stato detto più volte che ci dobbiamo fidare di ciò che fa l’amministrazione. Francamente troviamo difficile fidarci di un’amministrazione che non è per nulla trasparente soprattutto in ambiti ben più delicati e gravi, come per esempio l’insediamento delle centrali a biogas.
Per la seconda interrogazione abbiamo preso spunto dalle segnalazioni che ci sono arrivate riguardanti la presenza di persone all’interno della vecchia sede della stazione ferroviaria di Nogara. Nello specifico abbiamo chiesto, all’assessore di competenza, quante persone vivono all’interno della struttura e quali sono le condizioni igienico-sanitarie.
Speriamo di avere risposta nei tempi dettati dal nuovo regolamento comunale, visto e considerato che ad alcune delle nostre interrogazioni deve ancora essere data risposta. Viene da chiedersi a che cosa serve in consiglio comunale discutere dei regolamenti se poi chi li propone e chi li vota non li rispetta. Vi terremo informati, come sempre, sugli sviluppi.

P.S. Il MoVimento 5 stelle continua a lavorare per i nogaresi, non solo per quelli che lo hanno votato. Tutto quello che facciamo è a disposizione su questo blog alla voce del menù in alto “Il Nostro Lavoro”. Nonostante le querele e le minacce continuiamo ad andare avanti, siamo convinti di essere sulla strada giusta.

Share Button

La supercazzola dello scuolabus

mezzogiorno_in_famiglia_nogara

Informazioni da Nogara 5 stelle

Chiediamo ai cittadini di darci una mano per capire una cosa che ha, a nostro modo di vedere, del paradossale. Se vi ricordate, giovedì 17 gennaio 2013, la Rai è arrivata a Nogara per registrare una puntata del famosissimo programma Mezzogiorno in Famiglia. Per chi non conoscesse il famosissimo programma lo spieghiamo brevemente. Due paesi, ognuno con la relativa squadra, si sfidano ad una serie di giochi. La squadra vincitrice della puntata passa il turno e la settimana successiva sfida un’altra squadra di un altro Comune. Alla fine della stagione televisiva, la squadra che arriva in finale e vince, si aggiudica uno scuolabus. Fin qui nulla di male, anzi, lo scuolabus è un premio nobile che ad un Comune può sempre servire.
Recentemente il Sindaco e la Giunta sono andati in visita a Fermo, un Comune di 38.134 abitanti Capoluogo della Provincia omonima nelle Marche. Un Comune a cui il Sindaco, senza dir nulla a nessuno, ha regalato uno scuolabus in cambio di prodotti tipici del Comune di Fermo. Il sindaco in quell’occasione ha dichiarato «abbiamo fatto un bando per venderlo ma è andato a vuoto. Così abbiamo pensato di regalare lo scuolabus a Fermo in cambio di prodotti tipici che distribuiremo alle famiglie bisognose del nostro paese».
A questo punto la domanda sorge spontanea: perché il Comune di Nogara partecipa ad un programma televisivo dove in palio c’è uno scuolabus e poi regala proprio uno scuolabus (di proprietà del Comune) ad un altro Comune italiano?

Share Button

Scuolabus-for-food

food

Informazioni da Nogara 5 stelle

Leggendo l’articolo dell’Arena di qualche giorno fa si scopre, perché nessuno ha detto nulla, che l’amministrazione Mirandola ha regalato uno scuolabus, di proprietà del Comune, alla città di Fermo.

“Trasferta marchigiana per il Gruppo Alpini e il sindaco Luciano Mirandola nella doppia veste di primo cittadino e di presidente della Strada del Riso Vialone Nano Veronese Igp. Oggi e domani (sabato e domenica n.d.r.), a Fermo, si terrà la manifestazione enogastronomica delle «Piccole Italie»: un appuntamento annuale itinerante che unisce le tante specialità culinarie del Belpaese. La delegazione nogarese sarà composta da una cinquantina di volontari che si dedicheranno alla preparazione e alla distribuzione del risotto alla nogarese e alla promozione del riso locale.  Ma non solo. Mirandola donerà infatti agli abitanti di Fermo lo scuolabus del municipio che, pur essendo in ottimo stato, non viene utilizzato da tempo. Al contrario, è necessario al Comune marchigiano per portare i bambini dalla periferia fino alle scuole del centro. «Abbiamo fatto un bando per venderlo», spiega il sindaco, «ma è andato a vuoto. Così abbiamo pensato di regalare lo scuolabus a Fermo in cambio di prodotti tipici che distribuiremo alle famiglie bisognose del nostro paese». RI.MI.” (L’Arena)

Scuolabus-for-food. Secondo quanto dice il sindaco, il bando per vendere lo scuolabus non è andato a buon fine e quindi, lui e la sua maggioranza, hanno pensato bene di regalarlo ad un altro Comune. Un gesto nobile senza ombra di dubbio, ma forse averlo fatto dopo aver informato i cittadini sarebbe stato sicuramente ancora più nobile. Non ci sembra che sul nuovo sito del Comune di Nogara vi siano comunicazioni a tal proposito e  la notizia è stata riportata sul quotidiano locale a cose ormai fatte.
Concludendo, il sindaco Mirandola cede al Comune di Fermo lo scuolabus in cambio di un prestito di stampe della Biblioteca di Fermo da utilizzare per una mostra od evento e delle confezioni di prodotti tipici del territorio fermano, da donare alle persone bisognose del Comune di Nogara.

Share Button

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016