Browsing articles tagged with " riso"

Applicate il regolamento!

rispetto-regole

gio-down

Anche quest’anno si ripete la pantomima della mancata pubblicazione dei documenti relativi alla Festa del riso co’ le noseCome l’anno scorso ci siamo visti costretti a mandare un esposto al Prefetto di Verona (questa la lettera) per il rispetto delle regole, oltretutto regole scritte a approvate dalla stessa maggioranza. Nello statuto del Comitato Manifestazioni Nogaresi, il MoVimento 5 Stelle, presentando un emendamento, ha modificato l’art. 13 come segue “tutti gli atti di cui all’art. 12 saranno pubblicati sul sito istituzionale del Comune di Nogara in formato PDF”. La maggioranza approva regolamenti che di fatto non rispetta.
Il non rispetto delle regole sembra essere pratica ormai nota all’Amministrazione Mirandola. Chi non ricorda il mirabolante evento del risotto sulla rotonda? Evento che la stessa A.N.A.S. ci ha detto essere non autorizzato. Viene logico pensare che il rispetto delle regole valga solo per gli altri e non per l’attuale amministrazione.
Aspettiamo, oltre alla risposta del Prefetto, la pubblicazione (come avvenuto l’anno scorso) del resoconto della Festa del riso co’ le nose che, ogni anno, è sempre più top-secret e ci si deve (per forza) fidare di quanto dichiarato dalla maggioranza in consiglio comunale. Nessun cittadino può consultare autonomamente, tramite il sito istituzionale, tutta la documentazione in merito. La trasparenza passa anche dal rispetto delle regole.

Share Button

#OccupyRotonda

occupyrotonda

Qualche giorno fa abbiamo scritto ad ANAS e Veneto Strade per avere informazioni riguardanti la “manifestazione” che si è svolta sabato 7 settembre sulla rotonda di Nogara (questo il testo dell’interrogazione). Abbiamo scritto perché durante l’evento “risotto cotto e servito sulla rotonda” siamo stati contattati da molti nogaresi preoccupati per la viabilità nonché per la sicurezza stradale. Altri nogaresi hanno chiesto se sia possibile usufruire di tale spazio per eventi di vario genere. Ieri pomeriggio l’ANAS ha risposto alla nostra interrogazione, questa la risposta:

risposta-anas-riso-rotonda

L’ANAS ha risposto chiaramente che non era a conoscenza della manifestazione e soprattutto precisa che queste manifestazioni non si possono autorizzare“. Le poche righe di risposta dell’ANAS sono chiare ed inequivocabili. Il sindaco è la massima autorità in paese e può fare tutto, siamo convinti che comunque a tutto via sia un limite.
Siamo andati a leggere l’art. 9 comma 2 del Decreto Legislativo 285/92 il quale recita:

“Le autorizzazioni di cui al comma 1 devono essere richieste dai promotori almeno quindici giorni prima della manifestazione per quelle di competenza del sindaco e almeno trenta giorni prima per quelle di competenza del prefetto e possono essere concesse previo nulla osta dell’ente proprietario della strada.”

Le regole devono essere rispettate da tutti, soprattutto da chi ricopre cariche pubbliche. A tal proposito l’art. 54 della Costituzione Italiana recita: “tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.” La Costituzione è stata scritta in modo semplice affinché qualsiasi cittadino leggendola ne avesse ben chiaro il significato.
Il MoVimento 5 stelle di Nogara chiede le dimissioni immediate del sindaco in quanto, proprio il sindaco, deve essere il primo a rispettare le regole e non il primo ad infrangerle.

Share Button

Riso co’ le nose o propaganda politica?

nogara-quinta-colonna

Ieri sera alla festa del riso co’ le nose era presente la trasmissione Quinta Colonna, programma condotto da Paolo Del Debbio in onda su Rete 4. Il MoVimento 5 Stelle è stato accusato, dai soliti pasdaran dell’amministrazione, di buttare sempre tutto in politica. Francamente non riusciamo a capire che cosa c’entri una trasmissione che parla di politica con la festa del riso co’ le nose.
Nei soli tre collegamenti con lo studio, durati in tutto una manciata di minuti, non si è minimamente dato risalto né al riso né tanto meno al piatto tipico della festa. Si è parlato di tasse e di cittadini tartassati da continui balzelli. In sostanza si è parlato di politica e non di riso co’ le nose.
Il sindaco ha iniziato il suo intervento citando la “tassa sulla pioggia“, una tassa che non è assolutamente nuova in quanto la notizia la si può trovare sul Mattino di Padova in data 14 marzo 2012. Una non-notizia da vero “populista”. Il sindaco ha poi continuato dicendo di aver ridotto gli emolumenti della sua amministrazione del 50%. Questa “notizia” è una mezza verità in quanto il taglio del 30% è stato imposto dallo sforamento del patto di stabilità avvenuto nelle precedenti amministrazioni. Il sindaco di fatto ha ridotto il compenso per se, per gli assessori e i consiglieri del 20% e non del 50% come ha detto in trasmissione. Sono piccoli dettagli che fanno grandi differenze.
Il sindaco ha poi continuato dicendo che lui e la sua amministrazione sono stati costretti ad aumentare le tasse ai nogaresi, ma solo di un “pochino”. Assieme alla mezza verità dell’indennità dimezzata è giusto ricordare ai nogaresi che l’amministrazione Mirandola ha aumentato l’IRPEF comunale di ben 145.000 € e l’IMU di 15.000 €, il tutto per mantenere quali servizi? Sicuramente la dimenticanza è stata dettata dall’emozione di essere in TV, sta di fatto che il sindaco ha preferito citare la tassa sulla pioggia e il dimezzamento del proprio compenso. Propaganda prima di tutto.
A questo punto una domanda sorge spontanea: a cos’è servito invitare un programma come Quinta Colonna? Forse a fare propaganda al sindaco e alla sua lista? Ci sembra proprio di si, visto e considerato che di riso non si è mai parlato e le telecamere non hanno mai inquadrato nello specifico i piatti preparati appositamente. L’Amministrazione Mirandola ha usato la festa più importante e conosciuta del paese per fare propaganda politica.
Complimenti agli organizzatori che, dopo l’ideona del risotto cucinato e mangiato sulla rotonda, hanno partorito questo fantastico spot per l’amministrazione Mirandola. Dopo queste performance le presenze alla festa non potranno che aumentare.

Share Button

Tutti contro uno

attacco-informatico

Parlare della Festa del Riso co’ le Nose è ormai tabù, non si può. Se ne parli sei costretto a parlarne bene, altrimenti sei subito additato come colui che è contro le manifestazioni a Nogara. Non solo io come consigliere ma anche normali cittadini che si permettono di dare consigli od esprimere pareri. Mi vedo costretto a scrivere questo post in quanto sono stato pesantemente attaccato da un componente del Comitato Manifestazioni Nogaresi, a questo link potete leggere il suo intervento. Ho dovuto rispondere punto su punto in quanto ritengo di essere stato attaccato ingiustamente e soprattutto gratuitamente, con affermazioni davvero lesive nei confronti della mia persona. A questo link potete leggere la mia replica.
Crediamo che il Comitato Manifestazioni debba spiegare a tutti i cittadini nogaresi l’articolo 14 dello statuto approvato dall’Amministrazione Comunale con delibera n° 33 del 12 giugno 2012, piuttosto che accanirsi sul portavoce del M5S. Questo il testo dell’art. 14:

Durante la vita del Comitato gli eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, al netto degli oneri di legge, non verranno distribuiti, neanche in modo indiretto. In caso di eventi imprevedibili e/o persistenti condizioni atmosferiche avverse, il Comune si fa parte attiva nel contribuire al raggiungimento degli equilibri economico/finanziari delle manifestazioni, nei limiti di quanto, di anno in anno, sarà ritenuto stanziabile dalla Giunta Comunale.

Invece di attaccare l’unico consigliere comunale che fa opposizione in questo paese, spiegate ai nogaresi l’articolo sopra citato. Spiegate cosa s’intende per eventi imprevedibili e/o persistenti condizioni atmosferiche avverse“. Spiegate cosa vuol dire “il Comune si fa parte attiva nel contribuire al raggiungimento degli equilibri economico/finanziari delle manifestazioni“, invece di continuare con le minacce di querela nei miei confronti, ultima l’anno scorso sul quotidiano L’Arena dal titolo «Comitato Festa pronto alla querela contro Moreschi».
Sono stanco di essere gandhiano, sono stanco di essere continuamente minacciato di querela solo perché svolgo il mio dovere di consigliere d’opposizione. L’unica opposizione in questo paese è il MoVimento 5 stelle. Io non accetto inviti propagandistici né per partecipare ad inaugurazioni, né per offrirmi come volontario ad una festa in cui so di non essere il benvenuto. Sono stanco di essere preso per il culo, sono stanco ma di quella stanchezza che matura un’incazzatura formidabile.

Share Button

La novità della festa

riso-nose-2012

La vera ed unica novità della XXVII° edizione della Festa del riso co’ le nose è quella scritta nella breve pubblicata oggi dal quotidiano L’Arena. Nelle quindici righe del pezzo si può leggere: “Novità 2013 è che i 7 stand enogastronomici, aperti alle 12 e dalla 19.30, saranno occupati solo da privati: nessuna associazione del paese, com’è sempre avvenuto, sarà presente.” La moda della privatizzazione targata Nogara Prima di Tutto, dopo l’asilo nido comunale, colpisce anche la festa più importante del nostro paese. Nessuna associazione sarà presente alla festa.

Non ho partecipato all’inaugurazione. Queste le motivazioni che ho pubblicato anche in un post sul mio profilo Facebook: “Sono stato invitato all’inaugurazione della festa del riso co’ le nose. So di non essere gradito, né dall’amministrazione né da parecchi organizzatori. Non posso fare buon viso a cattivo gioco, non è nel mio stile. Non posso sedermi al tavolo di chi continua a minacciare querela. Non posso sedermi al tavolo di chi è amico di chi mi querela. Non posso sedermi al tavolo di chi non sta facendo nulla per il paese e continua ad offendermi ed attaccarmi solo perché svolgo il mio dovere di consigliere. Per questi ed altri motivi non parteciperò all’inaugurazione. Considero la coerenza una virtù.”

P.S. Coerenza è comportarsi come si è e non come si è deciso di essere. Sandro Pertini

Share Button

A chi e a cosa serve un bilancio?

Salvadanaio

Credo che la caratteristica fondamentale di un bilancio sia quella della comunicazione. Un bilancio oltre che essere composto dalle due parti entrate ed uscite adeguatamente documentate da tutte le pezze giustificative al fine di assicurare la necessaria analiticità è necessario che comunichi ai vari soggetti interessati tutte le informazioni di cui abbisognano. Vediamo se è possibile chiarire.
Un bilancio, un qualsiasi bilancio, in particolar modo un bilancio tipo quello degli “altri”, può essere utilmente esaminato da una varia platea di lettori. I primi interessati sono le varie collettività, queste vogliono capire prima di tutto se una manifestazione, una qualsiasi manifestazione, ha dato lustro alla comunità stessa, cercando di evidenziare quali siano i punti di forza e di debolezza in modo da intuire se implementare o ridurre la manifestazione nei tempi a venire. E’ sicuramente letto dai vari partecipanti e soprattutto da chi non ha ancora deciso se partecipare in futuro, a questi servono informazioni dettagliate sul volume e qualità dei prodotti/servizi da erogare e sull’afflusso di pubblico nonché su tutti i costi diretti ed indiretti. Per loro e per chi ha già partecipato (espositori e standisti) è fondamentale estrarre dal bilancio il dettaglio di tutti i costi e degli introiti al fine di calcolare il loro individuale punto di equilibrio economico.
Ancora, un bilancio può essere letto dalle Forze dell’Ordine e da quelle del Pubblico Soccorso in modo da trarre informazioni circa le forze umane e le attrezzature da mettere eventualmente in campo nonchè la loro organizzazione in modo che sappiano adeguatamente rispondere in casi di emergenza. Ancora, un bilancio può essere letto dai politici ai vari livelli, Provincia, Regione al fine di capire se può essere interessante coordinare e congiungere vari manifestazioni in modo da favorire con adeguate politiche pubbliche lo sviluppo del turismo e dell’aggregazione sociale. Per ultimo in ordine e non certo per importanza un bilancio, un qualsiasi bilancio, è letto dal Fisco che come sappiamo è interessatissimo a conoscere come sono andate le cose.
Per i pochi ed incerti cenni di cui sopra credo sia evidente che il contenuto di comunicazione di un bilancio, un qualsiasi bilancio, non sia necessario ma sia indispensabile. Più alta è la concentrazione di comunicazione contenuta in un bilancio più questo è utile ai vari lettori interessati. Chi redige un bilancio, un qualsiasi bilancio, si qualifica da solo, i lettori attenti non possono far altro che giudicare l’estensore del bilancio stesso dal suo grado di comunicazione.

Share Button

Noi non raccontiamo balle!

risposta-prefetto-verona-foto-post

Nell’ultima seduta del consiglio comunale il Sindaco Mirandola ha messo in dubbio che il MoVimento 5 stelle Nogara avesse scritto al Prefetto di Verona in merito alla consegna dei documenti riguardanti il bilancio della Festa del Riso co’ le Nose – edizione 2012. Dopo le comunicazioni dell’assessore Polo, il sindaco ha preso la parola dicendo che non vi era nessuna comunicazione da parte del Prefetto di Verona. A differenza di altri, noi non raccontiamo balle di nessun genere, né prima, né durante e nemmeno dopo la campagna elettorale. Oggi è arrivata la risposta al nostro esposto al Prefetto di Verona (questo il link alla lettera originale).

In relazione all’esposto in data 27.12.2012 concernete l’oggetto si comunica che in esito alle notizie assunte presso il Comune di Nogara è stato riferito che il documento richiesto è pervenuto al Comune di Nogara il 27.12.2012 e risulta pubblicato sulla Home page del sito internet del Comune.

Il dirigente Area II
Il Viceprefetto Machiné

Questa la risposta che ci ha dato stamattina la Prefettura di Verona. Risposta che per conoscenza è stata inviata anche al Sindaco Mirandola. E’ vero, il bilancio della Festa del Riso co’ le Nose è presente sul sito del Comune di Nogara (questo il link del bilancio), chiunque può controllare. L’esposto è stato fatto il 27 dicembre 2012 e, a quanto scritto nella risposta del Viceprefetto, il Comune di Nogara ha ricevuto il bilancio in data 27 dicembre 2012.
Il Sindaco ha messo in dubbio il nostro esposto al Prefetto di Verona e questa risposta è la prova che lo smentisce. Abbiamo sempre agito nel pieno rispetto delle regole, chiedendo sempre e solo ciò a cui ci è concesso accedere. Noi le balle non le raccontiamo, mai!

P.S. Il MoVimento 5 stelle fa quello che dice e dice quello che fa!

beppe_verona_banner

Share Button

Le “comunicazioni del sindaco”

ricevuta

Ad ogni consiglio comunale le “comunicazioni del sindaco” sono un non punto all’ordine del giorno. Sono un non punto per attaccare costantemente le minoranze. Si dà un’informazione, più o meno utile, e poi si attacca la minoranza. Ieri sera il non punto era rivolto al MoVimento 5 stelle.
L’assessore Polo e il sindaco Mirandola hanno “usato” le “comunicazioni del sindaco” per attaccare il MoVimento 5 stelle a proposito del post cittadini 1 – amministrazione 0, un post dove si fanno domande lecite e pertinenti sul bilancio della festa del riso co’ le nose. Nello specifico l’assessore Polo ha detto che, sia lui che il Comitato, si sentono offesi da questo post e, per questo motivo, intendono tutelarsi. Ci vogliono forse querelare per aver fatto delle semplici e innocue domande? Se l’assessore Polo e il Comitato Manifestazioni Nogaresi si sentono offesi dalle nostre domande di trasparenza è nel loro pieno diritto fare quello che credono, anche una eventuale azione legale.
La “comunicazione” di ieri sera non era nient’altro che un’intimidazione per farci smettere con le domande. Come si fa a non fare domande su un rendiconto che non spiega sostanzialmente nulla? Noi abbiamo posto delle domande semplici e chiare, capibili da chiunque, se gli interessati vogliono rispondere buon per loro, altrimenti va bene comunque in quanto i cittadini hanno già capito il modus operandi dell’attuale amministrazione.
Per concludere la seduta il sindaco ha messo in dubbio l’esistenza della nostra lettera (questo il link alla lettera) inviata al Prefetto di Verona. Il sindaco farebbe bene a crederci in quanto il MoVimento 5 stelle fa quello che dice e dice quello che fa. La raccomandata è stata spedita, dall’ufficio postale di Nogara, in data 27 dicembre 2012 e la ricevuta, che vedete come foto a questo post, è stata timbrata dall’Ufficio Territoriale del Governo di Verona in data 28 dicembre 2012. Noi, a differenzia di qualcun altro, non raccontiamo balle, mai!

P.S. Per l’ennesima volta il sindaco ci ha chiesto i conti del blog. Ricordiamo che, a tal proposito, è stato scritto un post ad hoc. Forse è il caso che il sindaco lo legga di persona, piuttosto che farselo raccontare.

Share Button
Pagine:12»

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016