Browsing articles tagged with " polo"

La solita propaganda Mirandolesca

mirandola-pinocchio

gio-down

«Siamo stati tutti concordi la legge deve essere comunque rispettata e ci deve essere una particolare attenzione anche per la presenza di cinque minori. La giustizia farà il proprio corso e ogni decisione del giudice dovrà essere rispettata da tutti». Le solite parole vuote del Sindaco Mirandola che, con l’ennesimo articolo, continua la sua propaganda per tenere buoni i cittadini e demandare ad altri la soluzione del problema occupazione abusiva di via Marconi. Una dichiarazione che non aggiunge, non dice e non risolve nulla.

arena-14112014-pag28-small

«Le forze dell’ordine di Nogara‬ stanno monitorando giorno per giorno la situazione e avranno l’appoggio di tutta l’amministrazione». Forse il Sindaco non se ne è accorto (magari troppo impegnato a feste e bicchierate) ma le forze dell’ordine di Nogara, nello specifico i Carabinieri, seguono la vicenda dall’inizio dell’anno. È proprio lui che si interessa della questione solo dopo la nostra lettera all’ATER e, soprattutto, solo dopo il nostro giornalino. Sono ben otto mesi che i cittadini, residenti nello stabile di via Marconi, denunciano la situazione invivibile degli occupanti. Il Sindaco, come spesso accade, arriva dopo e non risolve nulla.
Dell’articolo apparso ieri sul quotidiano L’Arena è sufficiente leggere il sottotitolo che recita: “in attesa che un giudice si esprima, le due famiglie marocchine rimangono all’interno degli alloggi”. È tutto qui il succo del discorso, è tutto qui il nocciolo dell’articolo. Ancora una volta dall’amministrazione Mirandola solo ed esclusivamente propaganda!

Share Button

Comunicato Stampa: occupazione abusiva alloggi ATER a Nogara

mirandola-telenuovo

gio-down

In riferimento ai fatti, recentemente balzati agli onori della cronaca, riguardanti l’occupazione abusiva di due alloggi di proprietà dell’ATER (Azienda Territoriale Edilizia Residenziale) siti in via Marconi a Nogara (VR) il MoVimento 5 stelle di Nogara comunica quanto segue:

Come unica opposizione, presente in consiglio comunale a Nogara, ci siamo immediatamente attivati dopo che i cittadini, residenti nello stabile sopracitato, ci hanno segnalato la presenza di due famiglie di origine extracomunitaria le quali avevano occupato abusivamente gli alloggi. In data 11 settembre 2014 abbiamo inoltrato un’istanza (questo il link http://is.gd/ou2je1) a tutti gli organi competenti. Nello specifico abbiamo chiesto delucidazioni al Sindaco di Nogara, all’Assessore al Sociale, ai Servizi Sociali del Comune, al Comandante della Polizia Locale, ai Carabinieri e naturalmente all’ATER.

Dopo una settimana l’ATER ci ha comunicato che: “[…] in data 25 marzo 2014 i Servizi Sociali del Comune di Nogara hanno contattato il Rag. Valentini, dipendente ATER Responsabile dell’Ufficio Vendite, segnalando una situazione di occupazioni abusive nell’immobile di Vai Marconi 18. A seguito di tale segnalazione Il Rag. Valentini si è recato, in data 27 marzo, presso lo stabile per effettuare un sopralluogo con l’assistenza della Forza Pubblica, rilevando l’effettiva occupazione abusiva, e successivamente ha presentato querela presso i Carabinieri della Stazione di Nogara. Inoltre, come previsto dalla L.R. 10/96, ATER si è immediatamente attivata presentando formali atti di denuncia-querela con contestuale richiesta di sequestro dell’immobile presso la Procura della Repubblica c/o Tribunale di Verona. Allo stato, al fine di proseguire la fase esecutiva del procedimento, sono stati chiesti dei sopralluoghi alla Polizia Municipale del Comune di Nogara finalizzati ad ottenere un ulteriore accertamento delle persone cui notificare i necessari atti amministrativi […].”

Si evince chiaramente che la situazione è in essere dai primi mesi dell’anno e che quindi l’Amministrazione Mirandola è a conoscenza della situazione di via Marconi già da parecchio tempo. A questo punto ci chiediamo: perché l’Amministrazione Mirandola si muove solo ora? Dov’è stato fino adesso il Sindaco? Perché da inizio anno ad oggi l’amministrazione Mirandola non è mai intervenuta e non si è mai fatta carico del problema? Perché il Sindaco finisce su tutti i media locali (televisioni http://is.gd/GxUHym e giornali http://is.gd/k3hdjd) solo dopo la distribuzione del nostro “foglio informativo” (questo il link http://is.gd/49Q506) dove denunciamo la preoccupante situazione della sicurezza a Nogara?

È di ieri la notizia (http://is.gd/tsgBYM) che il gruppo politico Forza Nuova ha dichiarato che “se entro 10 giorni da oggi qualcuno non sarà in grado di sgomberare gli alloggi occupati dagli stranieri e ripristinare una condizione di legalità, interverremo fisicamente con i propri militanti”. A nostro avviso questo è quello che succede quando le istituzioni, nel caso specifico l’Amministrazione di Nogara, non si fanno carico dei problemi e non si attivano concretamente per trovarvi soluzione.

Come MoVimento 5 stelle di Nogara condanniamo l’occupazione abusiva degli alloggi, da parte di chiunque e in ogni sua forma. Sollecitiamo il Comune di Nogara (magari di concerto con l’ATER) ad attivarsi concretamente, e non a parole, per trovare una soluzione a questa situazione che risulta ormai insostenibile. Auspichiamo, altresì, che gli interessi dei minori, presenti negli alloggi, vengano tutelati e difesi. Infine chiediamo le dimissioni immediate dell’Assessore al Sociale Antonio Polo, per manifesta incapacità nella gestione di questa vicenda.

P.S. Questo il Comunicato Stampa mandato ieri a tutti gli organi di stampa http://eepurl.com/78hkT

Share Button

Le intimidazioni dell’assessore Polo

la_giustizia

Ieri sul quotidiano L’Arena è apparso un articolo dal titolo «il Comitato Festa pronto alla querela contro Moreschi», articolo scritto dal puntale cronista locale. Un articolo in ritardo di soli 35 giorni, neanche tanto. Un articolo che, francamente, reputo intimidatorio e non certo d’informazione. In sostanza nel pezzo si racconta di un fatto accaduto più di un mese fa, esattamente il 15 gennaio 2013 (questo il verbale della seduta) e che, guarda caso, viene raccontato a quattro giorni dal voto. Un episodio che, su questo blog, avevamo spiegato e raccontato il giorno dopo essere accaduto.
Nell’articolo si legge: “Il muro contro muro tra il Comitato Manifestazioni Nogaresi e il consigliere grillino Mirco Moreschi potrebbe finire in tribunale. […] L‘assessore Antonio Polo ha fatto intendere che «l’intero comitato è intenzionato a tutelare la propria immagine dopo i continui attacchi diffamatori su internet fatti dal consigliere Moreschi».
L’abbiamo spiegato ormai in tutte le salse: in qualità di consigliere comunale ho posto delle domande e chiesto dei documenti. Alle domande non ho avuto alcuna risposta e ho ottenuto la pubblicazione del rendiconto della festa solo dopo aver scritto al Prefetto di Verona. Peraltro il Sindaco mi ha additato come bugiardo in quanto non convinto che io avessi scritto la lettera a chi di dovere. Il Sindaco e tutta la sua squadra sono stati sbugiardati dai fatti del MoVimento 5 stelle. Il giorno dopo il consiglio comunale su questo blog è apparsa la ricevuta della raccomandata inviata al Prefetto Stancari.
E’ doveroso ricordare che l’autore dell’articolo è coinvolto direttamente nel Comitato Manifestazioni Nogaresi in quanto è parte integrante, assieme all’assessore Polo, del direttivo del Comitato stesso. Questo il link della pagina del direttivo del Comitato formato da: Antonio Polo, Stefano Cottarelli, Mario Marconcini, Riccardo Mirandola, Ivano Baschirotto, Davide Mantovani e Nadia Zecchetto. In sostanza l’Assessore Polo si è arrogato il diritto di parlare in nome e per conto di tutto il Comitato Manifestazioni Nogaresi. Va considerato che il Comitato è formato anche dalla Pro Loco e Assoimprese. Una domanda sorge spontanea: i diretti interessati sono a conoscenza delle azioni che vuole intraprendere l’assessore Polo?
La mia unica colpa, se di colpa si può parlare, è quella di aver chiesto delucidazioni su un bilancio della festa del riso co’ le nose che, francamente, su molte voci lascia parecchio a desiderare. Le domande su questo blog sono state chiare, semplici e per nulla diffamatorie.
Nell’articolo l’assessore, nonché presidente del Comitato, Antonio Polo spiega: «Il Comitato non è un ente pubblico, siamo privati e non siamo tenuti a consegnare a Moreschi la documentazione». Questa affermazione è vera in parte in quanto il Comitato è formato da tre “soci” quali La Pro Loco, l’associazione Assoimprese e il Comune di Nogara. Per quanto ci è dato sapere il Comune di Nogara è un ente pubblico, almeno per il momento.
Se i suddetti signori vogliono querelarmi è nel loro pieno diritto farlo, salvo poi trarne tutte le conseguenze del caso. Sono fermamente convinto di non aver offeso e denigrato nessuno e di aver solo ed esclusivamente svolto il mio ruolo di consigliere. L’opposizione messa in campo dal MoVimento 5 stelle dà fastidio perché precisa, puntuale e soprattutto dalla parte dei cittadini.

P.S. Vogliono querelarmi per delle semplici domande e, come se non bastasse, ci vogliono togliere la possibilità di riprendere con le telecamere come sempre fatto. Il 24 e 25 febbraio prossimo, anche a Nogara, date un segno tangibile della volontà di cambiamento. Mandiamoli a casa tutti!

Share Button

Il virus della trasparenza

virus

Nell’ultima seduta del consiglio comunale il MoVimento 5 stelle è stato attaccato pesantemente dall’assessore Antonio Polo. Le “comunicazioni del sindaco” sono state verbalizzate e caricate sull’albo pretorio del Comune di Nogara. Questo è quanto ha detto l’assessore:

L’Assessore Polo illustra i risultati di gestione della festa. Ritiene che da parte del Comitato Festeggiamenti Nogaresi vi sia stata la massima trasparenza nel comunicare i dati di gestione. Evidenzia infatti che lo statuto del Comitato prevede che il rendiconto debba essere pubblicato entro il mese di maggio dell’anno successivo; i dati 2012 sono pubblici già dai primi giorni di gennaio. Censura quanto scritto sul blog del Movimento 5 Stelle, ritenendo offensive le accuse di scarsa trasparenza rivolte al Comitato e dichiara che provvederà a tutelare il buon nome del Comitato nelle sedi competenti. Chiede al consigliere Moreschi quali siano le sue proposte in ordine alla gestione della Festa del Riso, visto che lui contesta tutto e tutti. Afferma che il Comitato Festeggiamenti pur avendo natura privatistica, costituito secondo le norme del codice civile e quindi non obbligato ad osservare le regole della contabilità pubblica, ha provveduto a pubblicizzare sul sito internet del Comune i risultati della gestione della festa, non avendo nulla da nascondere. Coglie l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno ritenuto di collaborare per la buona riuscita della manifestazione.

Quanto affermato dall’assessore è palesemente falso e chiunque può verificarlo leggendo i post scritti su questo blog. Il MoVimento 5 stelle non ha offeso nessuno, tanto meno il Comitato, piuttosto ci risulta il contrario in quanto l’assessore Polo ha più volte intimato al MoVimento 5 stelle di smetterla con le domande. Naturalmente l’assessore dimentica di dire che il Comitato Manifestazioni Nogaresi è composto da tre soggetti: Comune di NogaraPro Loco e Assoimprese. Quanto scriviamo è confermato anche dall’amministrazione stessa su una pagina del sito comunale (questa la schermata). Noi poniamo domande all’amministrazione comunale e chiediamo l’accesso solo ed esclusivamente a documenti pubblici. Va da se che anche noi ci tuteleremo nelle sedi competenti in quanto siamo stanchi di essere intimiditi in continuazione da esponenti dell’attuale amministrazione. Questo accade sovente in quanto il MoVimento 5 stelle è l’unico che pone delle domande e chiede documentazione. Questa la nostra risposta in consiglio comunale:

Il consigliere Moreschi ritiene di non aver offeso nessuno. Sostiene di aver solo rivolto delle domande in merito alla gestione della festa alle quali, chi ritiene, può rispondere. Sostiene altresì, di non aver mai messo in dubbio l’onestà di coloro che si rendono disponibili a gestire la manifestazione. Il Movimento 5 Stelle chiede solo trasparenza.

Internet e i social network hanno cambiato il rapporto tra cittadini e amministratori. Gli amministratori che si iscrivono a Facebook, Twitter o Google Plus, spesso per cercare voti a buon mercato, si scontrano con un rapporto diretto con il cittadino che, sempre più di frequente, non riescono a gestire. Non rispondono alla gente che gli pone domande puntuali e argomentate, domande di trasparenza e partecipazione. Non rispondono in quanto sono figli di un modo di fare politica che non esiste più e che, fortunatamente, non tornerà mai più. Al virus della trasparenza non esiste antidoto.

Share Button

Le “comunicazioni del sindaco”

ricevuta

Ad ogni consiglio comunale le “comunicazioni del sindaco” sono un non punto all’ordine del giorno. Sono un non punto per attaccare costantemente le minoranze. Si dà un’informazione, più o meno utile, e poi si attacca la minoranza. Ieri sera il non punto era rivolto al MoVimento 5 stelle.
L’assessore Polo e il sindaco Mirandola hanno “usato” le “comunicazioni del sindaco” per attaccare il MoVimento 5 stelle a proposito del post cittadini 1 – amministrazione 0, un post dove si fanno domande lecite e pertinenti sul bilancio della festa del riso co’ le nose. Nello specifico l’assessore Polo ha detto che, sia lui che il Comitato, si sentono offesi da questo post e, per questo motivo, intendono tutelarsi. Ci vogliono forse querelare per aver fatto delle semplici e innocue domande? Se l’assessore Polo e il Comitato Manifestazioni Nogaresi si sentono offesi dalle nostre domande di trasparenza è nel loro pieno diritto fare quello che credono, anche una eventuale azione legale.
La “comunicazione” di ieri sera non era nient’altro che un’intimidazione per farci smettere con le domande. Come si fa a non fare domande su un rendiconto che non spiega sostanzialmente nulla? Noi abbiamo posto delle domande semplici e chiare, capibili da chiunque, se gli interessati vogliono rispondere buon per loro, altrimenti va bene comunque in quanto i cittadini hanno già capito il modus operandi dell’attuale amministrazione.
Per concludere la seduta il sindaco ha messo in dubbio l’esistenza della nostra lettera (questo il link alla lettera) inviata al Prefetto di Verona. Il sindaco farebbe bene a crederci in quanto il MoVimento 5 stelle fa quello che dice e dice quello che fa. La raccomandata è stata spedita, dall’ufficio postale di Nogara, in data 27 dicembre 2012 e la ricevuta, che vedete come foto a questo post, è stata timbrata dall’Ufficio Territoriale del Governo di Verona in data 28 dicembre 2012. Noi, a differenzia di qualcun altro, non raccontiamo balle, mai!

P.S. Per l’ennesima volta il sindaco ci ha chiesto i conti del blog. Ricordiamo che, a tal proposito, è stato scritto un post ad hoc. Forse è il caso che il sindaco lo legga di persona, piuttosto che farselo raccontare.

Share Button

Il bilancio degli “altri”

white_rice

Il rendiconto della festa del riso co’ le nose – edizione 2012 è stato pubblicato sul sito del Comune di Nogara e questa è, sicuramente, una buona notizia. La cattiva notizia sta nel fatto che non ci piace essere presi in giro, specialmente da coloro che non perdono occasione per dare lezioni di amministrazione. Se si legge attentamente il bilancio ci si rende conto immediatamente che le voci sono redatte in maniera grossolana e non spiegano assolutamente nulla. Nessun accenno a quanti risotti sono stati venduti e nessun dato sull’affluenza alla festa, niente di niente. Al cittadino non è dato sapere nulla, deve fidarsi e basta!
Le voci da leggere attentamente sono molte, come ad esempio “somministrazione cibi e bevande 86.136,58 €uro”. Quanti risotti sono stati venduti? Quante bevande sono state somministrate? Nessun dato che confermi il risultato scritto. “Altri costi per servizi 9.916,00 €uro”. Quali e che tipo di servizi sono stati erogati per questa cifra? Un’altra voce davvero niente male è quella “altri oneri di gestione 4.470,12 €uro”. Ma la vera chicca, dove si capisce benissimo che questo bilancio è stato redatto per prendere in giro i cittadini, è che si specificano le “spese postali per 13,60 €uro” e non si specificano assolutamente i “15.214,26 €uro di materiale di consumo e acquisti vari”. Cosa si è acquistato con questa considerevole cifra? Neanche qui è dato sapere nulla, visto e considerato che niente è specificato. Nel giornalino dell’amministrazione, distribuito a fine 2012, in merito alla festa del riso co’ le nose gli amministratori scrivono:

Fondamentale resta la Festa del Riso con le Nose che si è chiusa per il secondo anno consecutivo con un bilancio economico positivo, coinvolgendo i produttori di riso e mettendo in campo nuove iniziative come il ristorante degli ospiti.

Due misere righe per descrivere la festa “fondamentale” e più importante del paese. Un bilancio composto da una paginetta A4 dove vengono stampate delle voci dove la parola “altri” la fa da padrone. Un bilancio che lascia molto a desiderare e che rivela chiaramente che la parola trasparenza non è nel vocabolario dell’attuale amministrazione. Non preoccupatevi, i cittadini se ne sono accorti ormai da tempo.

banner_sondaggio_csp

Share Button

Cittadini 1 – Amministrazione 0

Schermata del 2013-01-05 11:15:18

Ieri, 4 gennaio 2013, come per magia è apparso sul sito del Comune di Nogara il bilancio della Festa del riso co’ le nose dell’edizione 2012. Non è esattamente la risposta alla nostra richiesta di documentazione ma sicuramente è una prima vittoria dei cittadini e del MoVimento 5 stelle Nogara. Noi infatti avevamo chiesto di avere accesso a documenti ben specifici per poter capire nel dettaglio le varie voci di bilancio.
Dopo le nostre varie e vane richieste all’amministrazione Mirandola di fornirci i documenti richiesti e di mettere in rete il bilancio, abbiamo deciso di scrivere al Prefetto di Verona. Ci siamo visti costretti a farlo considerata la risposta dell’assessore Polo e la continua strafottenza dell’amministrazione. Forse qualche effetto la nostra missiva l’ha ottenuto visto che per la prima volta nella storia di Nogara il bilancio della festa del riso co’ le nose è scaricabile dal sito del Comune. I soliti pappagalli, ben ammaestrati dall’amministrazione, hanno diffuso la notizia della disponibilità del bilancio presso il Comune. Dovranno fare pur qualcosa per rendersi “utili”.
Analizzando il bilancio disponibile ci rendiamo conto che consiste in una semplice pagina A4 dove alcune voci, significative, non vengono spiegate nel dettaglio. Allegati al bilancio mancano i documenti da noi richiesti, ovvero tutti i dettagli di ogni voce, le fatture, gli scontrini e tutta la documentazione che serve per appurare la veridicità di ogni singola voce.
Facciamo qualche esempio esplicativo. Nelle uscite si legge la voce “noleggio materiali per festa € 44.165”. Di quali materiali si sta parlando? Forse della tensostruttura? Forse delle panchine e dei tavoli? Con questa dicitura così generica non si capisce per cosa sono stati spesi questi 44.165 €. Stessa cosa per la voce “materiale di consumo e acquisti vari € 15.214,26”. Di quale materiale stiamo parlando? Quali sono questi acquisti vari? Idem per l’ultima voce del bilancio la quale recita “altri oneri di gestione € 4.470,12”. Cosa si intende per altri non è dato saperlo.
Un bilancio che deve essere sicuramente spiegato in sede di Consiglio Comunale dall’assessore competente, per delucidare al meglio quelle voci che generano dubbi in quanto redatte in modo grossolano. Va da se che, a questo punto, l’assessore Polo o il Presidente del Comitato Manifestazioni Nogaresi (che sono la stessa persona) dovrebbero fornirci il resto della documentazione, ovvero quello che abbiamo chiesto già da parecchio tempo. Penseremo noi a renderlo disponibile in rete.
Grazie al MoVimento 5 stelle i cittadini nogaresi, per la prima volta, possono visionare il bilancio della festa più importante di Nogara direttamente sul proprio computer. Una vittoria importante e significativa che ha aperto la strada per altre nuove battaglie di trasparenza.

Share Button

Il libero arbitrio dell’assessore Polo

red_pill_blue_pill

Alcuni amministratori si sentono onnipotenti e pensano di poter fare tutto quello che gli pare dimenticando, a volte di proposito, che devono sempre rendere conto ai cittadini. Il loro operato deve essere trasparente e controllabile da tutti, anche e soprattutto da quelli che non li hanno votati. E’ il caso dell’assessore Polo che ha risposto alla nostra richiesta di documentazione in qualità di Presidente del Comitato Manifestazioni Nogaresi e non in qualità di assessore.
L’assessore ha risposto con arroganza e supponenza scrivendo chiaramente che “il Comitato Manifestazioni Nogaresi non ritiene di dover adempiere a quanto da Lei richiesto.” Questo non è affatto vero e l’assessore Polo mente sapendo di mentire. L’articolo 43 comma 2 del Testo Unico degli Enti Locali (TUEL) recita quanto segue:

I consiglieri comunali e provinciali hanno diritto di ottenere dagli uffici, rispettivamente, del comune e della provincia, nonché dalle loro aziende ed enti dipendenti, tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del proprio mandato. Essi sono tenuti al segreto nei casi specificamente determinati dalla legge.

La richiesta di documentazione da me fatta è legittima e rientra nelle mie facoltà. L’assessore Polo non può arbitrariamente decidere se devo o non devo avere la documentazione. L’assessore Polo non può decidere di adempiere o meno a una richiesta di qualsiasi consigliere comunale che necessita di documentazione per espletare il proprio mandato. L’intera risposta rasenta il ridicolo, per non dire il patetico. L’assessore infatti conclude la lettera scrivendo:

Ricordiamo che al momento della nomina dei rappresentanti del consiglio comunale all’interno del Comitato, la Signoria Vostra, assieme alle altre minoranze, si è rifiuta di nominare un proprio rappresentante.

La nomina dei rappresentanti, citata dall’assessore, con la richiesta di documentazione non c’entra assolutamente nulla e le due cose non sono assolutamente attinenti. Nel consiglio comunale, dove la maggioranza ha approvato l’istituzione del Comitato Manifestazioni Nogaresi, il MoVimento 5 stelle ha spiegato chiaramente la propria posizione al riguardo del Comitato che reputa superfluo e senza nessuna apparente utilità per il paese e per la collettività. Non vogliamo far parte di strutture inutili che non portano nessun vantaggio reale al paese e ai cittadini. Lo sappiamo benissimo che il Comitato Manifestazioni Nogaresi è la realizzazione di un sogno dell’assessore Polo, il quale da tempo sognava un organo simile, una sorta di Ente Fiera de noantri, ci spiace ma per noi non è così.
L’assessore Polo ha scelto deliberatamente di non adempiere ai suoi doveri e non fornire la documentazione richiesta dal MoVimento 5 stelle. C’è forse qualcosa da nascondere? C’è forse qualcosa che il MoVimento 5 stelle e i cittadini di Nogara non devono sapere? C’è forse qualcosa che non deve essere portato alla luce del sole, riguardo l’ultima edizione della Festa del riso co’ le nose? Tutte queste domande sorgono spontanee visto che la trasparenza dell’assessore, assieme a quella della maggioranza, lascia molto a desiderare.

P.S. Se non sei parte della soluzione, allora sei parte del problema.

Share Button
Pagine:12»

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016