Browsing articles tagged with " moreschi"

Sicurezza nei parchi di Nogara

Siamo al parco di via San Francesco, uno dei parchi più grandi di Nogara uno dei parchi più frequentati del paese. La prima cosa da fare subito, come amministrazione a 5 stelle è quella di perimetrare il parco, con apposita recinzione, ed installare due telecamere di video sorveglianza, per far si che i frequentatori del parco quali bambini, nonni, papà, mamme e tutte le persone che costantemente passano il loro tempo libero qui, possano passarlo in sicurezza. Questo sarà il primo, di una serie di interventi, volti a mettere in sicurezza tutti i parchi di Nogara.

Share Button

Moreschi: “A Nogara la sicurezza prima di tutto”

foto-lista-blog

Mirco Moreschi riproverà a conquistare la fascia tricolore nelle comunali del 2016 a Nogara, dopo aver partecipato alle amministrative del 2011. In quell’occasione, il candidato del Movimento 5 Stelle aveva raccolto il 13,82 per cento dei consensi, entrando così in consiglio comunale.

Perché ha deciso di candidarsi?
Propongo una visione nuova della politica, improntata alla massima trasparenza e partecipazione della cittadinanza, svolta con l’onestà di rappresentare gli interessi dei cittadini. Ciò deriva dall’esperienza di consigliere comunale, la quale mi ha permesso di lavorare sul campo, sia nei luoghi deputati alla pratica politica sia nel rapporto diretto con la cittadinanza.

Il primo provvedimento che prenderà appena sarà eletto?
La sicurezza dei cittadini è una delle nostre priorità. Lavorerò, fin da subito, per dare vita ad un piano per l’installazione di telecamere di videosorveglianza, di cui Nogara ha certamente bisogno, partendo dai punti più sensibili del paese. A questo saranno affiancati maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, con il coinvolgimento anche di vigilanza privata.

I tre obiettivi prioritari che intende conseguire?
Prima di tutto ridurremo progressivamente le tasse abbattendo gli sprechi. Dobbiamo rivedere la raccolta differenziata dei rifiuti. Oggi misuriamo, e quindi paghiamo, gli svuotamenti per il rifiuto umido, anziché, come logica vorrebbe, per il rifiuto secco. La raccolta differenziata, così come concepita, pur aumentando non contribuisce ad una diminuzione delle bollette. Inoltre, come già illustrato sopra, installeremo telecamere di videosorveglianza e aumenteremo i controlli sul territorio. Infine, il Movimento 5 stelle è l’unica forza politica che, con il taglio degli stipendi dei parlamentari, ha dato vita ad un fondo per il Microcredito. Oggi più di 15 milioni di euro sono a disposizione dei cittadini che vogliono dare vita a nuove attività o che vogliono espandere un’attività già esistente. Come amministrazione ci faremo parte attiva per supportare quei nogaresi che vorranno accedere a queste risorse e portare così nuova occupazione in paese.

Una descrizione della sua lista?
La lista è composta da un gruppo di persone politicamente nuove e motivate, derivanti dal nostro meetup: ogni componente, con la propria esperienza di cittadino, costituisce un apporto significativo in termini di idee e proposte. Tutti i candidati sono incensurati e senza alcun carico pendente con la giustizia, questo a garanzia dei cittadini e del paese.

Fonte: http://elezionicomunaliverona.it/attualita/mirco-moreschi-nogara-2016/

Share Button

Moreschi, buona la seconda? Il «grillino» vuole riprovarci

mirco-moreschi-arena

È Mirco Moreschi, 40 anni, operaio, consigliere comunale uscente, il candidato del Movimento 5 Stelle per le amministrative del 5 giugno a Nogara. L’esponente grillino è alla sua seconda candidatura per conquistare la poltrona di sindaco e punta a raccogliere i voti degli elettori insoddisfatti del sindaco uscente, Luciano Mirandola, e di coloro che non si riconoscono negli ideali leghisti o del Partito Democratico.

«Mi candido», spiega Moreschi, «perché il mio paese ha bisogno di gente nuova che lo amministri e di proporre idee nuove per il suo rilancio. Nei primi 100 giorni di mandato da sindaco, punterò prima di tutto sulla sicurezza dei cittadini con l’installazione di telecamere di videosorveglianza e rafforzando i controlli delle forze dell’ordine sul territorio». Moreschi punta poi il dito contro l’autostrada Nogara-Mare, opera de sempre contestata dal M5S. «Siamo fermamente contrari a quest’opera inutile», dice Moreschi, «con la Nogara-Mare non si risolveranno i problemi del territorio ma, a mio avviso, si accentuerà il traffico che passerà dal centro del paese. Ecco perché credo che i 45 milioni di euro che dovrebbe mettere la Regione debbano essere utilizzati per costruire una tangenziale che porti il traffico pesante fuori Nogara. Con il project financing, poi, temiamo che l’opera farà la stessa fine dell’autostrada BreBeMi».

Altro argomento caldo di discussione che vede i Cinque Stelle schierati contro le altre forze politiche, e in particolare contro Mirandola, è la nuova Rems (Residenza per l’Esecuzione delle Misure per la Sicurezza) attivata all’ex ospedale Stellini. «Avevamo chiesto un referendum consultivo sulla questione», accusa Moreschi, «ma il sindaco Mirandola si è opposto e non ha dato la parola ai cittadini. La nostra battaglia sulla Rems è stata comunque in parte vinta. Avevamo chiesto che non venisse sprecato altro territorio e rispetto al progetto precedente abbiamo visto che adesso parte della struttura sarà realizzata utilizzando immobili esistenti».

I rifiuti sono un altro argomento sui quali i grillini si spenderanno in campagna elettorale. Il candidato sindaco ritiene che sia «doveroso» abbassare le tariffe a carico degli utenti e in particolare cancellare la parte riguardante la raccolta della frazione umida. «L’umido», incalza Moreschi, «è un rifiuto che ha un valore per chi lo raccoglie e quindi non capisco perché i nogaresi debbano pagare. Il nostro obiettivo è cambiare il modo con cui gli amministratori si rapportano con gli elettori. Abbiamo una lista con persone giovani e senza alcun carico pendente e metteremo i nogaresi al centro di ogni scelta. La nostra politica sarà centrata sulla diminuzione delle tasse comunali, partendo dai tagli agli sprechi per un’amministrazione il più possibile virtuosa»

http://www.larena.it/territori/bassa/nogara/moreschi-buona-la-seconda-il-grillino-vuole-riprovarci-1.4793770

Share Button

Moreschi: “A Nogara una politica dalle logiche nuove”

Nogara-Intervista-al-consigliere-M5s-Mirco-Moreschi

Mirco Moreschi, nato nel 1976 a Legnago, nel 2011 si è candidato alle amministrative del Comune di Nogara, dove vive, alla guida del MoVimento 5 stelle. In questa tornata elettorale, vinta per un soffio da Luciano Mirandola, ha ottenuto il 13,81 per cento delle preferenze, quadruplicando i voti conquistati dal M5s solo l’anno precedente (634 contro 170). Con questo risultato, Moreschi è diventato consigliere unico per la sua lista.

Perché ha deciso di candidarsi alla precedente tornata elettorale?
Nel 2011 decisi di candidarmi per provare a cambiare il paese in cui vivo, il paese dove mia moglie ed io abbiamo deciso di far crescere le nostre figlie. A Nogara c’era, e c’è tutt’ora, bisogno di una ventata di aria nuova e di un nuovo modo di fare politica, con persone nuove, slegate dalle vecchie logiche che da anni governano il paese.

Le tre cose positive del mandato che sta volgendo al termine?
La prima cosa positiva, senza dubbio alcuno, è che in consiglio comunale a Nogara c’è stata un’opposizione degna di questo nome. La seconda è che il cittadino, grazie al MoVimento 5 stelle e al suo portavoce, ha potuto accedere a documenti, informazioni e notizie che gli erano precluse. La terza cosa è che, sia io che il gruppo che rappresento, siamo cresciuti molto sia sul piano politico che su quello amministrativo.

Le tre cose negative del mandato?
La prima cosa negativa del mandato è sicuramente la finta collaborazione della maggioranza. Collaborazione a spot, finalizzata solo alla politica fine a sé stessa, mettendo in secondo piano il bene dei cittadini. La seconda è la difficoltosa ed estenuante battaglia per la trasparenza, in nome del diritto dei cittadini. La terza cosa è aver avuto la consapevolezza di essere la sola ed unica opposizione presente all’interno del consiglio comunale di Nogara.

I progetti per il futuro?
In questi cinque anni di opposizione il gruppo è cresciuto e si è ampliato, coinvolgendo sempre più cittadini e cittadine che sono disposti a dare il proprio contributo per migliorare il paese in cui vivono. Il MoVimento 5 stelle di Nogara è più vivo che mai e si sta preparando per le prossime elezioni amministrative.

Tratto dal sito: Guida al Voto http://elezionicomunaliverona.it/attualita/moreschi-nogara-2016/

Share Button

Mirandola boccia il “Baratto Amministrativo”

cartello-baratto-amministrativo-bocciato-post

gio-down

Ieri sera l’Amministrazione Mirandola ha bocciato la nostra Mozione - Baratto Amministartivo (317). La proposta era semplice e chiara. Una proposta che poteva aiutare concretamente le famiglie e i cittadini in difficoltà economica che magari, in questo periodo di crisi, faticano a pagare le tasse.
La maggioranza ha risposto picche adducendo che “la mozione è di difficile realizzazione”. Eppure a noi non pare così difficile approvare questa mozione e redigere, come dice la legge dello Stato n° 164, un regolamento per chi può o non può usufruire di questo benefit. Va da se che non tutti possono accedere a questa sorta di sconti sulle tasse, ma si deve indirizzare il benefit a quei cittadini, famiglie o gruppi di persone che hanno serie e reali difficoltà economiche.
Ieri sera il consigliere Costantini (l’unico che ha votato contrario) ha detto che non è vero che la legge n° 164 parla di Baratto. Forse il consigliere non ha letto il testo della legge oltre che il testo della mozione. Sarebbe bastato leggere i numerosi articoli scritti su questa possibilità prevista dallo “Sblocca Italia”. In un articolo de La Repubblica, intitolato “Il baratto delle tasse, per chi non riesce a pagare”, si legge:

Se passate da Invorio, paesino in provincia di Novara, lo potete incontrare lungo la strada con una scopa e un carretto. È Carlo (il nome è di fantasia, ndr ) che a quasi sessant’anni e dopo una vita passata a fare il muratore, ha trovato un nuovo lavoro come netturbino. Magari, ma non è così. Carlo si sta soltanto sdebitando nei confronti del Comune. “Ci doveva mille euro fra Tari e affitto per l’appartamento che occupa nelle case popolari, rientra nella categoria ‘inquilini morosi non colpevoli'” racconta il sindaco Dario Piola. A Carlo la buona volontà non manca, era stato addirittura lui a farsi avanti e a dire che soldi non ne aveva, ma si offriva per manutenzioni e piccoli lavoretti. Così adesso, per un mese, cinque giorni la settimana, paga di 7,5 euro l’ora (per un massimo 4 ore al giorno), lavora in strada e si prende cura dei marciapiedi. Invorio è stato fra i primi paesi ad applicare il “baratto amministrativo”, articolo 24 del decreto “Sblocca Italia”. Dà la possibilità ai cittadini che forniscono ore di lavoro e servizi in accordo con l’amministrazione di avere uno sconto sui tributi. Manodopera a progetto, legata da un patto fra pubblico e privato. http://goo.gl/9NSjrh

La verità è che l’Amministrazione Mirandola non ha voluto accogliere la nostra mozione perché presentata dal MoVimento 5 Stelle, non pensando al bene dei cittadini e del paese. Tutte le motivazioni addotte dai vari consiglieri comunali (Costantini, Tregnago, Pasqualini, Mazzoni e Mirandola) avevano lo scopo di trovare una scusa per non votare la mozione. Anche questa volta sono prevalsi gli “interessi di bottega” agli interessi dei cittadini. Con un po’ di buona volontà la mozione si approvava. Non è servita a far cambiare idea alla maggioranza nemmeno l’offerta del nostro aiuto per la stesura del regolamento.
Il ‪M5S‬ di Nogara voleva offrire la possibilità, ai cittadini in difficoltà economiche, di poter pagare alcuni tributi con prestazioni di manodopera per lavori di pubblica utilità. È chiaro che la maggioranza non si vuole impegnare per il paese e per il cittadino. Del resto, in questi quattro anni di amministrazione, si è visto benissimo.

P.S. Questa la votazione: Mirandola, Pasini, Polo, Brunelli, Tregnago, Mazzoni, Pasqualini, Olivieri, Montemezzi e Falco: astenuto. Costantini: contrario. Moreschi: favorevole.

Share Button

La maggioranza ridacchia e l’ESA-Com ridacchia ancora di più!

piangi e ridi

gio-down

Nell’ultimo consiglio comunale si è discusso, fra l’altro, del Piano Finanziario dei Rifiuti per l’anno 2015. Un documento che, come ogni anno, viene illustrato dal Direttore dell’ESA-Com. Per i pochi che ancora non lo sanno, ESA-Com è la società che si occupa della raccolta differenziata dei rifiuti per il Comune di Nogara.
Giovedì scorso durante il mio intervento in aula ho posto, al Direttore Barbati, una serie di domande volte a capire i numeri che compongono il Piano Finanziario e di conseguenza come e cosa pagano i cittadini di Nogara. Le mie domande, precise e puntuali, hanno suscitato l’ilarità della maggioranza, nello specifico il consigliere Costantini ridacchiava mentre illustravo a Barbati le mie perplessità. Perplessità legittime in quanto stavo difendendo gli interessi dei cittadini, non solo quelli che mi hanno votato, ma tutti i cittadini di Nogara che pagano il servizio per lo smaltimento dei rifiuti.
La maggioranza non dovrebbe ridacchiare ma leggere i documenti che l’ESA-Com manda al Comune per essere approvati in consiglio comunale. Per esempio, nel mio intervento, alla voce “Fiere e Sagre”, ho chiesto perché per lo smaltimento dei rifiuti durante la fiera di luglio (la sagra della Madonna del Carmelo) i cittadini pagano ad ESA-Com la bellezza di 15.000 euro. Se si confronta questa cifra con la “Festa del Riso co’ le Nose” (la cui durata è decisamente superiore) non esiste paragone. Infatti per la “Festa del Riso co’ le Nose” spendiamo 2.000 euro mentre per la sagra 15.000 euro. Forse qualcosa non torna?
Un altro esempio sono i contenitori per il Rifiuto Urbano Pericoloso (RUP). Leggendo i documenti di ESA-Com abbiamo scoperto che i bidoni per la raccolta di questo tipo di rifiuto non sono di proprietà del Comune ma sono di proprietà dell’ESA-Com. In sostanza i cittadini pagano il noleggio ad ESA-Com (società partecipata) per l’uso di questi bidoni per la raccolta di medicinali scaduti e pile esauste. Sul territorio di Nogara abbiamo 39 bidoni per il RUP (13 gruppi da 3 contenitori a gruppo). Il noleggio ci costa 3.135,60 euro/anno. In conclusione ogni bidone che ESA-Com noleggia al Comune di Nogara i cittadini lo pagano 80,4 euro/anno. Ogni anno la stessa cifra, senza contare l’eventuale ammortamento del bidone. Li paghiamo tutti gli anni come nuovi, ma i bidoni sono sempre gli stessi, fatta eccezioni per quelli rotti i quali vengono chiaramente sostituiti.
Questi sono solo due esempi di alcuni numeri che, a nostro avviso, non tornano nel Piano Finanziario 2015 di ESA-Com. La mia votazione a questo documento è stata di assoluta contrarietà in quanto il Piano Finanziario non risulta chiaro e soprattutto non sembra avere vantaggi reali, concreti e percepibili per gli utenti.
Invece di ridacchiare in aula, la maggioranza dovrebbe prendersi la briga di leggere la documentazione e fare le pulci ad ESA-Com rendendo il servizio davvero trasparente ed economicamente vantaggioso per i cittadini virtuosi che si impegnano, costantemente, per differenziare correttamente.

P.S. Tutto il consiglio comunale, eccetto il M5S, si è espresso favorevolmente sul Piano Finanziario dei Rifiuti per l’anno 2015 presentato da ESA-Com.

Share Button

Consiglio Comunale riguardante la realizzazione di una Rems nel territorio di Nogara

Stasera in consiglio comunale parleremo della realizzazione di una Rems‬ a ‪‎Nogara. Spiegherò la posizione mia e del M5S‬. Chiederò al Sindaco e alla maggioranza di indire un ‪‎referendum‬ consultivo per sapere cosa ne pensano i nogaresi di quest’opera. Chiedo ai cittadini di non mancare perché la seduta è aperta e il pubblico può intervenire. Smettere di lamentarsi e partecipare alla vita politica del paese è il primo passo per rendere Nogara un posto migliore. Vi aspetto alle 20:45 in sala consiliare.

Mirco Moreschi
Consigliere Comunale M5S Nogara

Share Button

Unica certezza: la Rems

corte_raffa_edificio_pericolante

gio-down

«Indietro non si torna e la Rems si farà nonostante la contrarietà di tutta o parte della minoranza». Questa la frase che il Sindaco Mirandola ha rilasciato, al quotidiano L’Arena, dopo che i gruppi di minoranza hanno chiesto un Consiglio Comunale aperto al pubblico, per discutere sulla realizzazione della Rems nel territorio comunale. Il primo cittadino che rappresenta, ricordiamolo, solo il 31% dei nogaresi, chiude l’articolo dichiarando che «per Nogara si tratta di un’occasione unica, che rilancerà l’ex ospedale con nuovi servizi e posti di lavoro». L’occasione è talmente unica che nessuno dei 579 Comuni del Veneto, eccetto Nogara, ha voluto la realizzazione della Rems sul proprio territorio. Non c’è che dire: proprio un affarone! Quando il Sindaco dice che la Rems «rilancerà l’ex ospedale con nuovi servizi» fa un’affermazione a cui crede solo lui. Infatti la Delibera Regionale 497 del 04/04/2014 recita testualmente:

“La Giunta Regionale delibera di recepire la proposta dell’Azienda ULSS n. 21 relativa all’ubicazione nel territorio del Comune di Nogara (VR) della struttura sanitaria extraospedaliera per il superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG), ai sensi della legge 17 febbraio 2012, n. 9 art. 3-ter. Di recepire altresì, per la sola parte riguardante il parere sulla realizzazione di detta struttura, il Documento approvato dal Consiglio Comunale di Nogara con deliberazione n° 4 del 24 febbraio 2014, rimandando ai successivi provvedimenti ogni decisione in merito al piano di sviluppo del Centro Sanitario Polifunzionale di Nogara (VR), dettagliato nel citato Documento.”

Nella Delibera della Giunta Regionale del Veneto, per quanto riguarda i benefici per il Comune di Nogara, si prevede solamente una futura valutazione (al momento indefinita) del potenziamento dei servizi ambulatoriali che saranno, eventualmente, da inserire in uno specifico e futuro programma regionale. Si evince chiaramente che nessuna garanzia, né indicazione operativa, è fornita circa lo sviluppo dei servizi nell’ex Ospedale Stellini a beneficio dei cittadini di Nogara. Inoltre, il Documento deliberato dal Consiglio Comunale di Nogara è stato recepito dalla Regione Veneto solo per la parte concernente il parere positivo espresso circa la realizzazione della Rems, mentre, per quanto riguarda il piano di sviluppo del Centro Sanitario Polifunzionale dettagliato nel Documento approvato dal Consiglio Comunale, la Regione Veneto rimanda ogni decisione a provvedimenti successivi, senza specificare tempi e modalità.
A nostro avviso l’unica cosa certa (ad oggi) è la realizzazione, su 10.000 mq del lascito Stellini, della Rems. Tutto il resto rimane, per ora, solo una promessa.

A questo link http://goo.gl/0PFR3S potete leggere l’articolo apparso sul quotidiano L’Arena.

P.S. Ricordiamo che il Consiglio Comunale aperto, chiesto dalle forze di opposizione di Nogara, prevede la possibilità che il pubblico possa intervenire con domande, richieste e considerazioni. Non perdete questa occasione di far sentire la vostra voce. A breve sarà comunicata la data della seduta.

Share Button
Pagine:12»

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016