Browsing articles from "maggio, 2014"

Tutti gli uomini del Sindaco

cda-casa-di-riposo-nogara

Il CDA della Casa di Riposo è stato rinnovato circa un mese fa ed entrerà in “servizio” a metà giugno. Nel CDA sono stati democraticamente eletti tutti uomini del Sindaco Mirandola. Con una votazione in Consiglio Comunale sono stati eletti tutti amici della lista che amministra il nostro paese. Noi come M5S avevamo proposto per la carica di consigliere della Casa di Riposo il nostro Gabriele Pernechele, persona preparata, seria e competente (pensate che non urla nemmeno). Purtroppo i pochi voti non sono bastati per farlo approdare fra i consiglieri del Pio Ospizio San Michele. Gabriele non è amico degli amici che contano e quindi conta poco o nulla.
Come riportato dall’articolo de L’Arena il 22 maggio scorso gli eletti del nuovo CDA sono: Daniele Pozzati (Presidente), Alessandro Andreoli (Consigliere), Flavio Silvestrini (Consigliere), Fernanda Maestrelli (Consigliere) e Giovanni Martinetti (Presidente uscente e futuro Consigliere). Non c’è che dire un CDA tutto a favore della maggioranza.
Daniele Pozzati è stato eletto consigliere nel 2011 con la lista che amministra oggi Nogara (era candidato con la stessa lista anche nel 2010). Non entrò mai in consiglio comunale per continuare l’attività di consigliere della Casa di Riposo. Alessandro Andreoli si candidò con la lista Nogara Prima di Tutto nel 2010. La lista non vinse e non riuscì ad entrare in consiglio comunale, nemmeno come opposizione. L’anno seguente non fu riconfermato fra i componenti di Nogara Prima di Tutto 2011. Flavio Silvestrini è, secondo quanto recita L’Arena, “il nuovo esperto di «spending review» ex dirigente in pensione della Coca Cola” nominato dal Sindaco Mirandola nel dicembre 2012 (leggi l’articolo completo). Fernanda Maestrelli è, sempre secondo L’Arena, “l’artefice nel 2010 della fine della breve giunta leghista di Simone Falco” (leggi l’articolo completo). Infine Giovanni Martinetti è il Presidente della Casa di Riposo uscente, nominato quattro anni fa dall’allora sindaco Simone Falco. Continuerà il suo lavoro alla Casa di Riposo come Consigliere.
Il Sindaco Mirandola, a tutela della democrazia e della pluralità, ha inserito nomi graditi a lui e ha lasciato da parte i nomi graditi alle minoranze. In sostanza ha tradotto nella pratica la frase del marchese del Grillo: «Ah… me dispiace, ma io so’ io… e voi non siete un cazzo!».

P.S. Auguriamo buon lavoro ai nuovi componenti del CDA della Casa di Riposo.

Share Button

La raccolta differenziata alla rovescia

rifiuti-ex-campo-sportivo-via-sterzi

Nell’ultimo consiglio comunale si è discusso il Piano Finanziario dei Rifiuti. Alla seduta era presente il direttore di ESA-Com il quale ha spiegato che, nel futuro prossimo, inizierà una sperimentazione per far pagare la bolletta in ragione degli svuotamenti del cassonetto. Fino a qui nulla di male, anzi, è proprio il caso di dire meglio tardi che mai. In sostanza ESA-Com fornirà agli utenti appositi contenitori con transponder per “contare” gli svuotamenti del rifiuti umido. Si, avete letto bene: il rifiuto umido.
In qualità di consigliere comunale del M5S ho sollevato forti dubbi su questa singolare iniziativa. Non tanto per i cassonetti con transponder, ma sul perché si calcolerà la bolletta sugli svuotamenti del rifiuto umido anziché sul rifiuto secco non riciclabile, il quale per sua natura, finisce o in discarica o nell’inceneritore. I dati ci dicono che la produzione di rifiuto secco non riciclabile è in continua diminuzione, non solo e non tanto per la crisi, ma anche e soprattutto perché le persone sono diventate virtuose, sanno differenziare correttamente il rifiuto e comprano prodotti sfusi.
Perché prendere come riferimento gli svuotamenti della frazione umida quando, portato negli appositi impianti di trattamento (abbiamo un impianto di conferimento proprio ad Isola della Scala), diventa materia prima seconda da riutilizzare? È il non senso della raccolta differenziata.
L’amministrazione Mirandola su questa tema non ha dato risposte concrete alle mie istanze, mentre il direttore Barbati si è limitato a dire che “è l’umido che costa in quanto se ne produce molto”. Come se tutto questo non bastasse, l’amministrazione ha deciso di prolungare il contratto con ESA-Com fino al 31/12/2030.
Infine, come ciliegina sulla torta, ESA-Come in accordo con il Comune di Nogara stanno valutando l’ipotesi di effettuare un passaggio al mese per il ritiro del rifiuto secco. Il Sindaco e l’Assessore Poltronieri si sono affrettati a scrivere su Facebook che le bollette di ESA-Com diminuiranno del 4%. Qualunque persona attenta capisce benissimo che le bollette diminuiscono in quanto l’ESA-Come effettua meno ritiri (già oggi il secco vieni ritirato ogni 15 giorni) e non perché i cittadini vengono premiati in funzione della loro abilità di fare la raccolta differenziata.

P.S. Un ringraziamento ai 730 elettori (20,75%) che a Nogara, in occasione delle Elezioni Europee 2014, hanno votato il MoVimento 5 stelle http://goo.gl/Tn44rA.

Share Button

Francesca Businarolo (M5S): da maggioranza su Opg menefreghismo e noncuranza

Francesca Businarolo - M5S - Discussione OPG

“Nel discorso di fine anno del 2012, Giorgio Napolitano definiva  gli ospedali psichiatrici giudiziari come un “autentico orrore  indegno di un Paese appena civile”. Nonostante questi severi moniti  il 31 marzo di quest’anno, lo stesso presidente Napolitano poneva la propria firma su un decreto legge che prevede il secondo slittamento della chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari.

Con la riforma dell’ordinamento penitenziario del 1975, la dicitura manicomio giudiziario veniva modificata in ospedale psichiatrico giudiziario: un nuovo nome, ma gli orrori e il degrado al loro interno sono rimasti gli stessi. L’ultima inchiesta parlamentare sugli ospedali psichiatrici giudiziari evidenzia un quadro agghiacciante: pareti e soffitti con intonaci imbrattati e cadenti; porte e finestre con vetri incrinati; sudiciume e residui alimentari disseminati ovunque; coperte e lenzuola strappate, sporche ed insufficienti; presenza di urine sul pavimento; servizi igienici ridotti ad una sola unità e della dimensione di un metro quadro; invasione di ratti nelle fognature, talvolta anche nelle stanze comuni. E ancora, degenti nudi coperti solo da lenzuola e sottratti alle umane pratiche di igiene personale, ematomi diffusi, costrizioni a letto con strette legature a mani e piedi. Ovunque, una sensazione di abbandono. Perché sottoporre queste persone, che hanno la stessa dignità degli altri, a permanere tra sudiciume e odori nauseabondi, non assistiti dal personale sanitario, dimenticati da tutti?

Dal 2012 a oggi non si è mai parlato di programmi terapeutici e trattamentali: l’unico obiettivo pare sia quello di costruire. Infatti il programma per la chiusura degli OPG, prevedeva l’apertura in ciascuna Regione di residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza detentive, le cosiddette REMS, residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza sanitaria, le nuove residenze psichiatriche, a sola gestione sanitaria, con l’eventuale controllo esterno delle Forze di polizia. Su questa questione il MoVimento 5 Stelle è stato molto critico: invece di riconvertire strutture che potrebbero essere funzionali, come gli ospedali dismessi, si pensa solo ad appaltare la costruzione di nuovi edifici, con un grave aumento dei costi e degli sprechi. In particolare ricordo che sono pervenuti agli Uffici competenti, entro il termine stabilito del 15 maggio 2013, i programmi di tutte le Regioni tranne quello della Regione Veneto. Il 28 novembre 2013 il Presidente della Regione Veneto è stato diffidato ad adempiere agli obblighi di legge nel termine di 15 giorni. Nonostante la mancanza di alcun programma, sono stati destinati alla regione Veneto 12,5 milioni di euro per un progetto di soli 40 posti letto, per di più in una nuova struttura adiacente ad un ospedale esistente, l’ospedale Stellini di Nogara, in provincia di Verona. La cifra è esorbitante, se consideriamo che la stessa somma è stata destinata alla regione Piemonte ma per una nuova struttura che sarà destinata alla cura di 70 posti letto, quasi il doppio. Cosa ne farà la regione Veneto di tutti questi soldi?

Durante il brevissimo dibattito, svoltosi in appena qualche ora in commissione, il MoVimento 5 stelle ha tentato più volte di convincere i deputati della maggioranza che è importante privilegiare la ristrutturazione dell’esistente piuttosto che la costruzione ex novo di strutture sanitarie. Nella Commissione ambiente si stanno discutendo provvedimenti in materia di consumo del suolo, e il MoVimento 5 Stelle voleva contribuire – anche se per una piccola parte – a limitare il consumo del suolo. Evitare la cementificazione sempre più imperante in molte zone del territorio italiano, è quanto mai urgente, e il legislatore, cioè noi, deve indicare la strada, deve dare dei segnali. Ma la maggioranza non ha ascoltato, anzi i deputati della maggioranza, in modo vergognoso, sghignazzavano e facevano battutine, mentre si discutevano di questi temi in commissione.

Allora ricordo che in Italia, attualmente, esistono sei ospedali psichiatrici giudiziari. Uno di questi si trova a Montelupo Fiorentino: ha una capienza di 188 persone, ma ne ospita più di 200. Un altro si trova ad Aversa, in provincia di Caserta, e anche qui vi sono più di 200 persone invece delle 150 previste. Gli altri sono a Napoli, Reggio Emilia, Barcellona Pozzo di Gotto e Castiglione delle Stiviere. Nella maggior parte di queste strutture vi è una situazione di sovraffollamento e degrado. In Italia erano 1.170 le persone rinchiuse negli ospedali psichiatrici giudiziari al 31 marzo 2014: il 20 per cento di queste dovrebbe uscire ed essere inserito in strutture diverse, perché colpevole di reati minori e i casi di crimini gravi sono davvero limitati.

Matteo Renzi sa che un decimo dei detenuti negli istituti ordinari di pena soffre di serie patologie mentali, quali psicosi e depressione grave? Il ministro Orlando sa che, attualmente nelle carceri ordinarie avremmo altri 6.000 gravi pazienti che ricevono un trattamento ancora più disumano di quello che ricevono gli internati in OPG? Il problema del superamento degli OPG doveva essere affrontato contestualmente a quello dell’assistenza di salute mentale negli istituti ordinari di pena. Ma di queste cose non se ne è discusso, né al Senato né alla camera. L’iter di questo decreto Non ha visto svolgersi audizioni né al Senato, né alla Camera. Infatti Non abbiamo audito le dirette interessate dal provvedimento, le Regioni, non abbiamo audito il Dap, non abbiamo audito nessun esperto. Non sono stati invitati nemmeno i soliti interpellati dalla commissione giustizia, l’associazione nazionale magistrati o le Camere penali.

In particolare, le Camere Penali si sono espresse solo sulla stampa, osservando che i problemi tecnici e logistici possono essere tanti, ma i diritti delle persone vengono prima. Hanno osservato come queste persone, come tutti, vivono una volta sola e succede, troppo spesso che consumino il loro tempo in un OPG senza che vi sia una ragione clinica. Se fossero state audite le Camere penali avrebbero suggerito la necessità di aprire un tavolo con gli psichiatri, i quali sono spesso complici di un sistema malato, perché si limitano spesso a gettare formulette stanche sui moduli invece di condurre veri accertamenti. Questo è quello che ci avrebbero detto le Camere penali. Sarebbe stato interessante audire gli operatori esperti nel settore, per arrivare finalmente ad una legge che non renda legale la tortura delle persone in difficoltà. In Toscana e in Emilia il professor Alessandro Margara ha cercato di ampliare e di rendere funzionale la legge n. 9 del 2012, ma è rimasto completamente inascoltato anche in questo decreto ­legge.

Concludo denunciando che la superficialità con cui state approvando questo decreto dipende dal fatto che siete in campagna elettorale, quindi secondo voi non si poteva perdere tempo nel modificare il decreto che contiene una semplice proroga. Se ciò non bastasse la Presidente della commissione giustizia, ha mentito dicendo che al Senato le audizioni erano state fatte e che sarebbero state acquisite. FALSO. Nessuna audizione era stata fatta al Senato. Alla ripresa dei lavori ha mentito di nuovo, facendo finta di essersi dimenticata che era stata avanzata la richiesta di audizioni in sede di riunione dell’ufficio di presidenza. Il comportamento della presidente della commissione giustizia e il comportamento connivente della maggioranza, che per non perdere tempo, e per non modificare il decreto, non ha voluto svolgere un’adeguata istruttoria, è vergognoso e antidemocratico.

Entro il 31 marzo 2013 gli OPG si sarebbero dovuti chiudere, oggi state per approvare la seconda proroga. È probabile che oggi arrivi anche il ministro Boschi per porre la questione di fiducia, per il timore che la discussione che il MoVimento 5 stelle vuole svolgere, risvegli la coscienza civile di qualche elettore o peggio di qualche vostro collega del PD o di SEL. Ricordate che l’atteggiamento di noncuranza e di menefreghismo che avete tenuto in commissione e che sembra stiate per tenere anche qui in aula, contiene in sé il rischio che l’orrore degli OPG degeneri ulteriormente, e voi ne sarete gli unici responsabili.” Francesca Businarolo – M5S Camera

Share Button

AAA rappresentanti di lista cercasi

rappresentanti di lista

Come avviene per ogni elezione abbiamo la possibilità di rappresentare la lista del M5S durante le operazioni di voto e di scrutinio per verificare che tutto si svolga correttamente. I rappresentati di lista sono figure importantissime perché vigilano affinché non vengano scartati voti incerti che invece possono tranquillamente essere ricondotti al M5S, oltre che sorvegliare tutte le operazioni che si svolgono dentro al seggio. Per legge i lavoratori dipendenti hanno diritto di assentarsi dal lavoro con permesso retribuito semplicemente chiedendo l’attestato di presenza al presidente di seggio da presentare poi al proprio datore di lavoro.
Io sarò il sub-delegato è avrò facoltà di nominare i rappresentanti di lista per i seggi di Nogara e Gazzo Veronese. All’apertura/allestimento del seggio (normalmente avviene intorno alle 16 del sabato pomeriggio) potete presentarvi presso il Presidente di seggio a cui siete stati designati.
Chi vuole fare il rappresentate di lista ed aiutare il M5S perché tutto si svolga correttamente compili in ogni sua parte il modulo per l’adesione a questo link http://goo.gl/wsFKkF.
Si vota solo domenica 25 maggio dalle ore 07:00 alle ore 23:00. Lo scrutinio avverrà alla chiusura dei seggi.

Mirco Moreschi
Consigliere Comunale M5S
Nogara (VR)

Share Button

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016