Browsing articles from "settembre, 2013"

#OccupyRAI

Fuori la politica e le lobby dalla RAI! La RAI ha 579 dirigenti, uno ogni 18 dipendenti, e 1.373 giornalisti. La RAI spende all’esterno 1,6 miliardi, il 60% dei suoi ricavi, per format e servizi che potrebbe sviluppare al suo interno valorizzando i suoi 10.476 dipendenti. La RAI ha perso nel 2012 245,7 milioni di euro a causa di una gestione che favorisce nomine politiche e appalti agli amici.

Il MoVimento 5 Stelle chiede che: sia reso noto l’elenco dei fornitori della RAI, siano valorizzate le competenze e le professionalità interne, venga immediatamente sciolto il consiglio di amministrazione responsabile della perdita costante di valore della RAI e fatti decadere la presidentessa Tarantola e l’amministratore delegato Gubitosi. Sia avviato un dibattito parlamentare per eliminare ogni ingerenza politica e sia predisposto un piano di rilancio in ottica multimediale e con respiro internazionale.

Share Button

La Casa dell’Acqua del Consorzio

acqua-soldi

Fra qualche giorno verrà inaugurata la Casa dell’Acqua in via San Francesco (ex postazione del distributore del Latte). Fin qui nulla di male, anzi, in attesa che l’acquedotto serva tutto il paese, ci vorrebbero varie case dell’acqua distribuite su tutto il territorio nogarese. Abbiamo parlato molte volte della questione Casa dell’Acqua voluta dall’amministrazione Mirandola e dal Consorzio per lo Sviluppo del Basso Veronese (CSBV), ma crediamo sia giusto ricordare alcuni concetti fondamentali di tale progetto.
Secondo l’accordo di collaborazione con il CSBV il Comune dovrà: predisporre l’area di appoggio e gli allacciamenti alle utenze per garantire il corretto funzionamento (acquedotto, rete fognaria, energia elettrica); concedere l’area ove intende realizzare la struttura; garantire l’erogazione gratuita dell’acqua potabile dell’acquedotto fino al contatore. Oltre a questo il Comune riconoscerà al soggetto gestore gli incassi derivanti dal consumo dell’acqua da parte degli utenti.
Francamente non riusciamo a capire quale sia il vantaggio per il cittadino, in quanto il Comune fornisce tutto il necessario (acquedotto, rete fognaria, energia elettrica) e non ne ricava assolutamente nulla, anzi, ha degli esborsi per provvedere alle suddette utenze. Ci siamo battuti in Consiglio Comunale (questo il link al video) affinché il Comune di Nogara acquistasse e gestisse direttamente la Casa dell’Acqua. L’intera maggioranza, anche di fronte a calcoli sulla fattibilità nonché economicità dell’acquisto, ha optato per l’accordo con il Consorzio.
Come se non bastasse “il Comune di Nogara riconosce che il Concessionario verserà al Consorzio l’importo di 0,01 €/litro per tutta l’acqua erogata al fine di coprire le spese inerenti le attività svolte per l’aggiudicazione della gara […]”. Attualmente il prezzo per un litro d’acqua naturale è di 0,05 € e 0,07 € per un litro di acqua frizzante. Prezzi assolutamente non competitivi.
Il Comune di Zevio ha acquistato una Casa dell’Acqua che gestisce in proprio offrendo gratuitamente ai residenti 20 litri d’acqua a settimana, superata tale soglia il costo per l’acquisto è di 0,02 € per un litro di acqua naturale e 0,05 € per un litro di acqua frizzante. Nel caso di Zevio il Comune offre un servizio ai cittadini che il Comune di Nogara di fatto non offre. La Casa dell’Acqua installata dal Consorzio non è nient’altro che una rivendita di acqua refrigerata.

Share Button

Incontro con i cittadini a 5 stelle

incontro-5-stelle-nogara

Venerdì 11 ottobre alle ore 20:30, presso la sala consiliare del Comune di Nogara (VR), si terrà una serata informativa con i tre Parlamentari veronesi del MoVimento 5 stelle. Francesca Businarolo, Mattia Fantinati e Tancredi Turco illustreranno cosa sta accadendo in Parlamento e saranno a disposizione dei cittadini per domande dirette e un dibattito aperto. L’incontro è gratuito e aperto a tutti.
Consigliamo vivamente di partecipare per poter interloquire direttamente con i cittadini a 5 stelle, per esporre dubbi, perplessità e curiosità sui lavori parlamentari. Solo con la partecipazione diretta potrete avere una visione diretta dell’attuale situazione politica del Paese. La TV e i giornali sono asserviti al potere e non possono che dire e scrivere quello che al potente aggrada.
Partecipate numerosi!

Farancesca Businarolo Mattia Fantinati Tancredi Turco

Share Button

#OccupyRotonda

occupyrotonda

Qualche giorno fa abbiamo scritto ad ANAS e Veneto Strade per avere informazioni riguardanti la “manifestazione” che si è svolta sabato 7 settembre sulla rotonda di Nogara (questo il testo dell’interrogazione). Abbiamo scritto perché durante l’evento “risotto cotto e servito sulla rotonda” siamo stati contattati da molti nogaresi preoccupati per la viabilità nonché per la sicurezza stradale. Altri nogaresi hanno chiesto se sia possibile usufruire di tale spazio per eventi di vario genere. Ieri pomeriggio l’ANAS ha risposto alla nostra interrogazione, questa la risposta:

risposta-anas-riso-rotonda

L’ANAS ha risposto chiaramente che non era a conoscenza della manifestazione e soprattutto precisa che queste manifestazioni non si possono autorizzare“. Le poche righe di risposta dell’ANAS sono chiare ed inequivocabili. Il sindaco è la massima autorità in paese e può fare tutto, siamo convinti che comunque a tutto via sia un limite.
Siamo andati a leggere l’art. 9 comma 2 del Decreto Legislativo 285/92 il quale recita:

“Le autorizzazioni di cui al comma 1 devono essere richieste dai promotori almeno quindici giorni prima della manifestazione per quelle di competenza del sindaco e almeno trenta giorni prima per quelle di competenza del prefetto e possono essere concesse previo nulla osta dell’ente proprietario della strada.”

Le regole devono essere rispettate da tutti, soprattutto da chi ricopre cariche pubbliche. A tal proposito l’art. 54 della Costituzione Italiana recita: “tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.” La Costituzione è stata scritta in modo semplice affinché qualsiasi cittadino leggendola ne avesse ben chiaro il significato.
Il MoVimento 5 stelle di Nogara chiede le dimissioni immediate del sindaco in quanto, proprio il sindaco, deve essere il primo a rispettare le regole e non il primo ad infrangerle.

Share Button

Riso co’ le nose o propaganda politica?

nogara-quinta-colonna

Ieri sera alla festa del riso co’ le nose era presente la trasmissione Quinta Colonna, programma condotto da Paolo Del Debbio in onda su Rete 4. Il MoVimento 5 Stelle è stato accusato, dai soliti pasdaran dell’amministrazione, di buttare sempre tutto in politica. Francamente non riusciamo a capire che cosa c’entri una trasmissione che parla di politica con la festa del riso co’ le nose.
Nei soli tre collegamenti con lo studio, durati in tutto una manciata di minuti, non si è minimamente dato risalto né al riso né tanto meno al piatto tipico della festa. Si è parlato di tasse e di cittadini tartassati da continui balzelli. In sostanza si è parlato di politica e non di riso co’ le nose.
Il sindaco ha iniziato il suo intervento citando la “tassa sulla pioggia“, una tassa che non è assolutamente nuova in quanto la notizia la si può trovare sul Mattino di Padova in data 14 marzo 2012. Una non-notizia da vero “populista”. Il sindaco ha poi continuato dicendo di aver ridotto gli emolumenti della sua amministrazione del 50%. Questa “notizia” è una mezza verità in quanto il taglio del 30% è stato imposto dallo sforamento del patto di stabilità avvenuto nelle precedenti amministrazioni. Il sindaco di fatto ha ridotto il compenso per se, per gli assessori e i consiglieri del 20% e non del 50% come ha detto in trasmissione. Sono piccoli dettagli che fanno grandi differenze.
Il sindaco ha poi continuato dicendo che lui e la sua amministrazione sono stati costretti ad aumentare le tasse ai nogaresi, ma solo di un “pochino”. Assieme alla mezza verità dell’indennità dimezzata è giusto ricordare ai nogaresi che l’amministrazione Mirandola ha aumentato l’IRPEF comunale di ben 145.000 € e l’IMU di 15.000 €, il tutto per mantenere quali servizi? Sicuramente la dimenticanza è stata dettata dall’emozione di essere in TV, sta di fatto che il sindaco ha preferito citare la tassa sulla pioggia e il dimezzamento del proprio compenso. Propaganda prima di tutto.
A questo punto una domanda sorge spontanea: a cos’è servito invitare un programma come Quinta Colonna? Forse a fare propaganda al sindaco e alla sua lista? Ci sembra proprio di si, visto e considerato che di riso non si è mai parlato e le telecamere non hanno mai inquadrato nello specifico i piatti preparati appositamente. L’Amministrazione Mirandola ha usato la festa più importante e conosciuta del paese per fare propaganda politica.
Complimenti agli organizzatori che, dopo l’ideona del risotto cucinato e mangiato sulla rotonda, hanno partorito questo fantastico spot per l’amministrazione Mirandola. Dopo queste performance le presenze alla festa non potranno che aumentare.

Share Button

Perché pagare le tasse?

bilancio-parteciaptivo

Un cittadino normale si dovrebbe sempre chiedere perché paga le tasse. E’ una domanda fondamentale da porsi quando, spesso e volentieri, le amministrazioni privatizzano servizi essenziali. In uno stato normale mettere una nuova tassa equivale a fornire un nuovo servizio per la collettività.
Perché un cittadino nogarese deve pagare le tasse se poi vede privatizzato l’asilo nido comunale? Perché un cittadino nogarese deve pagare le tasse se poi vede installare una casa dell’acqua a pagamento gestita da un privato? Perché un cittadino nogarese deve pagare le tasse se poi non ha strutture moderne dove poter fare sport o attività fisica? Perché un cittadino nogarese deve pagare le tasse e mandare i figli in una scuola ormai vetusta ed obsoleta?
Nel bilancio di previsione l’amministrazione Mirandola ha aumentato il prelievo IRPEF di ben 145.000 € e il prelievo IMU di 15.000 €. Le tasse aumentano ma i servizi non sembrano andare di pari passo.
Perché un cittadino nogarese non può decidere come spendere in soldi che versa al Comune? Esistono strumenti appositi, applicabili da subito, come ad esempio il bilancio partecipativo, il quale consiste in una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica del proprio paese (democrazia diretta). Il bilancio partecipativo consiste nell’assegnare una quota di bilancio alla gestione diretta dei cittadini, che vengono così messi in grado di interagire e dialogare con le scelte dell’Amministrazione per modificarle a proprio beneficio.
Le tasse dovrebbero essere pagate a fronte di servizi, acclarato questo, la domanda sorge spontanea: che servizi fornisce il Comune di Nogara? A voi la risposta.

Share Button

Tutti contro uno

attacco-informatico

Parlare della Festa del Riso co’ le Nose è ormai tabù, non si può. Se ne parli sei costretto a parlarne bene, altrimenti sei subito additato come colui che è contro le manifestazioni a Nogara. Non solo io come consigliere ma anche normali cittadini che si permettono di dare consigli od esprimere pareri. Mi vedo costretto a scrivere questo post in quanto sono stato pesantemente attaccato da un componente del Comitato Manifestazioni Nogaresi, a questo link potete leggere il suo intervento. Ho dovuto rispondere punto su punto in quanto ritengo di essere stato attaccato ingiustamente e soprattutto gratuitamente, con affermazioni davvero lesive nei confronti della mia persona. A questo link potete leggere la mia replica.
Crediamo che il Comitato Manifestazioni debba spiegare a tutti i cittadini nogaresi l’articolo 14 dello statuto approvato dall’Amministrazione Comunale con delibera n° 33 del 12 giugno 2012, piuttosto che accanirsi sul portavoce del M5S. Questo il testo dell’art. 14:

Durante la vita del Comitato gli eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, al netto degli oneri di legge, non verranno distribuiti, neanche in modo indiretto. In caso di eventi imprevedibili e/o persistenti condizioni atmosferiche avverse, il Comune si fa parte attiva nel contribuire al raggiungimento degli equilibri economico/finanziari delle manifestazioni, nei limiti di quanto, di anno in anno, sarà ritenuto stanziabile dalla Giunta Comunale.

Invece di attaccare l’unico consigliere comunale che fa opposizione in questo paese, spiegate ai nogaresi l’articolo sopra citato. Spiegate cosa s’intende per eventi imprevedibili e/o persistenti condizioni atmosferiche avverse“. Spiegate cosa vuol dire “il Comune si fa parte attiva nel contribuire al raggiungimento degli equilibri economico/finanziari delle manifestazioni“, invece di continuare con le minacce di querela nei miei confronti, ultima l’anno scorso sul quotidiano L’Arena dal titolo «Comitato Festa pronto alla querela contro Moreschi».
Sono stanco di essere gandhiano, sono stanco di essere continuamente minacciato di querela solo perché svolgo il mio dovere di consigliere d’opposizione. L’unica opposizione in questo paese è il MoVimento 5 stelle. Io non accetto inviti propagandistici né per partecipare ad inaugurazioni, né per offrirmi come volontario ad una festa in cui so di non essere il benvenuto. Sono stanco di essere preso per il culo, sono stanco ma di quella stanchezza che matura un’incazzatura formidabile.

Share Button

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016