Browsing articles from "aprile, 2013"

L’ennesima presa in giro

biogas

E’ proprio il caso di dire che è l’ennesima presa in giro quella del contributo che i proprietari di Impianti a Biogas, presenti sul territorio Nogarese, versano nelle casse comunali. Non si può chiamare in altro modo in quanto la cifra di 4.000 euro/anno è davvero ridicola, se pensiamo ai possibili disagi che questi impianti arrecano ai cittadini. Questa stratosferica cifra versata per quindici anni dovrebbe servire, secondo quanto approvato in una delibera dall’attuale maggioranza, come “contributo finalizzato allo svolgimento delle attività funzionali alla sistemazione ed alla manutenzione del territorio atte alla salvaguardia del paesaggio ed alla cura ed al mantenimento della rete stradale o alla promozione di iniziative volte al miglioramento della qualità dell’ambiente“. In sostanza si dovrebbero fare tutte le cose scritte in delibera con la somma di 4.000 euro/anno. Chiunque, dotato di normali capacità intellettive, capisce benissimo che non è minimamente possibile.
Navigando in rete si trovano molti siti che parlano degli impianti a biogas e, nello specifico, in appositi forum di agraria si parla di quanto costa la realizzazione di un impianto. Sul sito www.forumdiagraria.org si può accedere alla lettura di una discussione avente ad oggetto: Biogas agricolo 999 kW. Scorrendo i vari messaggi dei partecipanti si legge:

“23/03/2011. Il costo per realizzare un impianto biogas, chiavi in mano, della potenza di 999 kW è di circa 5 milioni di euro. Un impianto della potenza di 999 kW permette di fatturare 2.200.000 euro annui dalla sola vendita dell’energia elettrica prodotta. E’ importante mettere in funzione l’impianto entro il 31/12/2012 perché la tariffa fissa onnicomprensiva, attualmente di 0,28 eur/kWh, potrà poi essere variata.” (http://goo.gl/yu43i)

Quanto scritto dal partecipante al forum è quanto aveva spiegato in sostanza il professor Tamino quando fu invitato a Nogara dal MoVimento 5 stelle, per parlare di questo tipo di impianti (link al video). Siamo stati gli unici a proporre una serata su questo tema e siamo sempre gli unici a presentare svariate interrogazioni su questo tema, perché siamo convinti che i cittadini devono essere a conoscenza di che cosa vuol dire convivere con questi impianti.
Leggendo questo cifre risulta davvero una presa in giro la mancia fatta al Comune di Nogara. Siamo convinti che l’amministrazione Comunale, nella figura del sindaco Mirandola e il vice sindaco Pasini, debba assolutamente rivedere il “contributo” di 4.000 euro/anno. Un contributo che non contribuisce sostanzialmente a nulla in quanto, con una cifra così esigua, non si riesce ad ottemperare a nessuna delle attività approvate in delibera.

Share Button

Le sparate del Sindaco Mirandola

mirandola-25042013

Ieri era il 25 aprile Festa della Liberazione, una ricorrenza importante nonché un giorno fondamentale per la storia d’Italia: la fine dell’occupazione nazista ed il termine del ventennio fascista.
Ieri a Nogara, come ogni anno, si è svolta la cerimonia per la commemorazione di tutte quelle persone che sono cadute lottando per la libertà. Durante il discorso commemorativo, il Sindaco Mirandola ha redarguito i consiglieri di minoranza perché non presenti alla cerimonia dicendo, ai cittadini presenti, di tenerne conto alla prossima tornata elettorale.
Francamente non so perché ieri non erano presenti i consiglieri Falco, Montemezzi ed Olivieri (avranno avuto sicuramente i loro buoni motivi), ma so perché non ero presente io. Lo scrivente Mirco Moreschi, consigliere comunale del MoVimento 5 stelle, ieri era in turno in quanto dipendente di una multinazionale che lavora a ciclo continuo. Questo può essere confermato da un numero considerevole di persone nonché dalla timbratura del cartellino presso lo stabilimento. Ieri non ero a divertirmi, magari con la mia famiglia o con gli amici, ero a fare il mio dovere di uomo e di padre: ero a lavorare. Al Sindaco può risultare difficile da capire, ma è così.
E’ giusto ricordare che l’anno scorso, pur smontando dal turno di notte, ho presenziato alla suddetta cerimonia con il vice sindaco Pasini il quale mi era al fianco durante la camminata verso la chiesa delle Caselle. Il Sindaco l’anno scorso non l’ho visto, forse ricordo male ma la presenza di Pasini era in sostituzione di Mirandola.
Ho voluto scrivere questo post non tanto per informare dov’ero ieri, ma per informare la cittadinanza del modus operandi che il Sindaco ha avuto e continua ad avere nei confronti delle minoranze. Ricordo al Sindaco che il MoVimento 5 stelle, alle scorse elezioni politiche, è risultato essere la prima forza politica di Nogara, sorpassando il PDL e il PD, due formazioni care al nostro Mirandola e in perfetta sintonia con la sua attuale maggioranza formata da tutti i colori del firmamento politico. Una maggioranza “minestrone” che ad oggi non ha prodotto nulla per il paese e per la cittadinanza, se non svariati regolamenti fra i quali quello dei circhi e degli spettacoli viaggianti.
Il Sindaco, coraggioso più che mai, spara le sue bordate quando gli interessati non ci sono, quando chi può controbattere e sbugiardarlo non è presente. Troppo comodo e troppo facile caro Sindaco.
Sono fermamente convinto che alla prossima tornata elettorale i Nogaresi si ricorderanno di queste parole e soprattutto si ricorderanno del comportamento di Sindaco ed Assessori.

P.S. «I giovani non hanno bisogno di prediche, i giovani hanno bisogno, da parte degli anziani, di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo.» Sandro Pertini

Share Button

Due cementificazioni sono meglio di una

loading-cemento

Il 18 marzo abbiamo scritto un post sulla questione delle case ATER di via Molino. A seguito del post abbiamo protocollato un’interrogazione per capire al meglio la situazione e chiedere lumi sullo stato dei lavori. Nella nostra interrogazione presentavamo tutta una serie di domande specifiche:

Cosa si intende per “scambio di aree tra Comune ed ATER”? Perché, dopo molti anni, si è deciso di cambiare zona per la costruzione? Quale vantaggio ne trae il cittadino, quindi il pubblico, da questa “ridislocazione”? Dove saranno costruiti i nuovi alloggi popolari? Quando partiranno i lavori? Quando verranno consegnati gli alloggi? A cosa verrà destinata l’area di via Molino, un tempo riservata agli alloggi ATER?

Ieri è arrivata la risposta. Il vicesindaco Flavio Pasini nella risposta scrive:

Per scambio di area si intende la permuta tra l’area di proprietà ATER in via Molino ed area di proprietà del Comune, più crediti edilizi al fine di equilibrare il valore dell’operazione. L’ATER ha deciso di cambiare zona a causa di difficoltà costruttive per realizzare il proprio progetto originario. Il vantaggio dell’Amministrazione e quindi dei cittadini sarà quello di avere, dopo molti anni, a disposizione alloggi di edilizia sovvenzionata entro breve tempo nonché eliminare l’attuale degrado dell’area sita in via Molino, area su cui si potranno realizzare parcheggi ed alloggi. I nuovi alloggi ATER saranno realizzati in via A. Moro ed in altre aree da individuare. I lavori potranno iniziare dopo la stipula della permuta che sarà comunque deliberata in consiglio comunale. Gli alloggi verranno consegnati dopo la loro realizzazione, nel più breve tempo possibile.

In sostanza si cementificano due zone invece di una. Secondo la risposta del vicesindaco L’ATER cambia zona a causa di “difficoltà costruttive” e sulla stessa area, a cui l’ATER rinuncia, si potranno costruire parcheggi ed alloggi. Non si potrebbe cambiare il progetto e far costruire, all’ATER, le case popolari nella zona destinata ormai da parecchio tempo?
Via Molino è una zona ideale per la costruzione degli alloggi popolari in quanto zona in pieno centro a Nogara con facile accesso a tutti i servizi essenziali per il cittadino tra i quali il Municipio, le scuole e le poste. Se si recuperano zone in centro si può fare a meno dell’auto per gli spostamenti giornalieri. Questo comporta un minor traffico di veicoli e pertanto un minor inquinamento atmosferico.

Share Button

Trenta giorni

trenta-giorni

I regolamenti, oltre che essere approvati, dovrebbero anche essere rispettati. Il 9 febbraio 2013 abbiamo protocollato un’interrogazione (questo il testo) riguardante le condizioni di decoro del Parco Comunale sito in Via San Francesco. All’interrogazione abbiamo anche allegato le foto delle condizioni del Parco. Sono passati ormai più di due mesi ma ad oggi non è arrivata ancora nessuna risposta e, come se non bastasse, il Parco è ancora nelle condizioni descritte dalle foto.
Nel regolamento del consiglio comunale, approvato qualche tempo fa, si scrive chiaramente che le risposte ad eventuali istanze, interrogazioni, mozioni o altre richieste all’amministrazione verranno date in un tempo massimo di trenta giorni. I trenta giorni sono passati ma la risposta non è mai arrivata. Chi detta le regole dovrebbe essere anche il primo a rispettarle.
Come se non bastasse, le segnalazioni con l’apposito strumento Decoro Urbano sono ancora in carico ai vari uffici competenti. Ad onor del vero la segnalazione è avvenuta in data 14 gennaio 2013 (questa la schermata). Nell’arco di un tempo così lungo (oltre 90 giorni) non si è riusciti a risolvere la segnalazione e, nel contempo, a rispondere alla nostra interrogazione.
Scaricate gratuitamente l’applicazione Decoro Urbano e segnalate le varie situazioni di degrado presenti nella vostra via o piazza. Più volte l’amministrazione Mirandola si è vantata di aver attivato questo servizio ma la realtà è che Decoro Urbano è attivo su proposta e interessamento del MoVimento 5 stelle. Sul quotidiano locale sono usciti ben due articoli identici che decantavano, con tanto di intervista al vicesindaco, l’attivazione del servizio. Un servizio in cui l’amministrazione attuale non crede minimamente visto e considerato che non lo usa come andrebbe usato.

Share Button

Legge Rifiuti Zero

Legge Rifiuti Zero

Da oggi in tutta Italia inizia la raccolta firme per il disegno di legge di iniziativa popolare “Legge Rifiuti Zero” (http://www.leggerifiutizero.it). Ad una iniziativa di questo tipo non poteva non partecipare il MoVimento 5 stelle il quale raccoglierà le firme in vari Comuni della Provincia, tra questi Verona, Pescantina, Villafranca, San Giovanni Lupatoto, Bovolone, Isola della Scala e Nogara.
Questa legge mira ad una riforma organica di tutto il sistema della raccolta e smaltimento rifiuti e si articola su cinque parole fondamentali: sostenibilità, ambiente, salute, partecipazione e lavoro. Quest’ultimo punto non è da sottovalutare alla luce della situazione attuale: la diffusione della raccolta rifiuti porta a porta, che è uno degli obiettivi, creerebbe migliaia di posto di lavoro che sarebbero pagati dal recupero dei materiali e dal risparmio ottenuto con la drastica riduzione dei conferimenti negli inceneritori e nelle discariche dei materiali post consumo.
Queste le linee guida: far rientrare il ciclo produzione-consumo all’interno dei limiti delle risorse del pianetarispettare gli indirizzi della Carta di Ottawa, 1986rafforzare la prevenzione primaria delle malattie attribuibili a inadeguate modalità di gestione dei rifiutiassicurare l’informazione continua e trasparente alle comunità in materia di ambiente e rifiutiriduzione della produzione dei rifiuti del 20% al 2020 e del 50% al 2050 rispetto alla produzione del 2000recepire ed applicare la Direttiva quadro 2008/98/CErecepire ed applicare il risultato referendario del giugno 2011 sull’affidamento della gestione dei servizi pubblici locali.
Per perseguire le suddette finalità, il presente progetto di legge contiene una serie di misure finalizzate a: promuovere e incentivare anche economicamente una corretta filiera di trattamento dei materiali post-consumospostare risorse dallo smaltimento e dall’incenerimento verso la riduzione, il riuso e il riciclocontrastare il ricorso crescente alle pratiche di smaltimento dei rifiuti distruttive dei materialiridurre progressivamente il conferimento in discarica e l’incenerimento.
Ricordiamo che per essere presentata la Legge di Iniziativa Popolare necessita di cinquatamila firme certificate. Quindi lanciamo l’appello a tutti i cittadini perché vadano a firmare ai nostri banchetti.

Share Button

La corretta informazione

Questo post vuole spiegare come funziona la comunicazione da parte dell’amministrazione Mirandola. Una comunicazione volta solo a far apparire quello che non esiste e non dare il merito a chi effettivamente va riconosciuto. Domenica scorsa l’assessore Poltronieri ha postato sulla propria bacheca Facebook questo messaggio.

schermata-poltronieri

Questa notizia è vera ma annunciata in maniera scorretta. A far notare questo all’assessore è intervenuto Diego Berlado, attivista del MoVimento 5 stelle, il quale ha semplicemente invitato l’assessore a correggere quanto detto specificando la notizia scrivendo: ok, poi puoi scrivere che la mozione è stata presentata da Nogara ai Nogaresi e votata all’unanimità, quella sarebbe la corretta informazione”. Quanto affermato da Diego è corretto.
L’anno scorso il gruppo consiliare Nogara ai Nogaresi (Lega Nord) ha presentato una mozione dove chiedeva l’installazione, presso la fontana pubblica di piazzetta Franceschetti, di un sistema che ne limitasse il flusso per evitare sprechi d’acqua. La mozione è stata votata all’unanimità da tutte le forze presenti in consiglio.
Il post scritto dall’assessore Poltronieri ha generato cinquanta commenti, la maggioranza dei quali da parte di fans dell’assessore. I sostenitori si sono scagliati contro Diego deviando totalmente dal tema espresso nel suo commento. Commento che chiedeva solamente una corretta informazione da parte dell’amministrazione Comunale.
In soccorso dell’assessore è arrivata puntualmente la replica, con apposito post sulla bacheca personale, del sindaco Mirandola il quale ha sfoderato il suo proverbiale savoir-faire.

schermata-sindaco-01

Il sindaco, non avendone esperienza, non contempla che il MoVimento 5 stelle è formato da un gruppo di persone che di comune accordo presentano interrogazioni, istanze, mozioni e proposte di delibera. Capiamo benissimo che il sindaco fatica a comprendere il concetto di squadra.
Questo post sulla bacheca del Sindaco è durato poco. Infatti, forse non trovando nemmeno i “mi piace” dei soliti amici, ha deciso di riformulare quanto scritto in maniera più “anonima” e meno diretta.

schermata-sindaco-02

Questo è il metodo che l’amministrazione Mirandola usa per comunicare con i Nogaresi. Un’informazione distorta che ricorda molto quella degli attuali media nazionali nei confronti del MoVimento 5 stelle.
Questo post è stato scritto per amore dell’informazione e soprattutto per portare a conoscenza dei Nogaresi il modus operandi dell’amministrazione. Questo “giochetto” delle mezze verità è stato fatto, e continua ad essere fatto, con tutte le forze di opposizione in primis il MoVimento 5 stelle. Noi siamo diversi e amiamo dare a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio.

Share Button

Solo con la trasparenza si può avere la fiducia dei cittadini

Transparency

Venerdì sera il MoVimento 5 stelle di Nogara ha spiegato ai cittadini il secondo anno di lavoro tra i banchi della minoranza. La sala era piena e ci ha fatto molto piacere vedere che tra il pubblico c’erano anche esponenti e simpatizzanti dell’amministrazione Mirandola. Abbiamo spiegato chiaramente, con delle slide esplicative, quello che il MoVimento 5 stelle ha fatto, le interrogazioni, le istanze e le proposte di delibera che ha presentato. Abbiamo visto i cittadini attenti e partecipi. La serata è riuscita benissimo.
Gabriele Pernechele ha parlato dei risultati politici delle scorse elezioni. Elezioni che hanno visto il MoVimento 5 stelle come prima forza politica di Nogara. Poi è stata la volta di Ivan Melandri che ha spiegato tutta la vicenda delle centrali a  biogas, vicenda gestita malissimo dall’amministrazione la quale non ha mai portato all’attenzione del consiglio comunale nessuno dei tre impianti in essere. Il MoVimento 5 stelle è stato l’unico a chiedere a quanto ammonta l’indennizzo che ogni centrale versa al Comune di Nogara. Quando abbiamo comunicato che la quota (ridicola) è di 4.000 €/anno i cittadini sono rimasti basiti. Giulia Greggio ha spiegato come funziona il bando degli impianti fotovoltaici approvato dalla giunta comunale. In consiglio comunale si portano sempre e solo regolamenti alquanto discutibili, come i regolamenti per gli spettacoli viaggianti e i circhi. Le cose importanti quali l’approvazione di tre centrali a biogas, due impianti fotovoltaici e una fonderia di alluminio non vengono mai discusse e votate in consiglio ma sempre e solo a porte chiuse in giunta. Trasparenza prima di tutto. Ha chiuso la serata Mirco Moreschi, attuale portavoce del MoVimento 5 stelle di Nogara nonché consigliere comunale, il quale ha parlato del bilancio della festa del riso co’ le nose raccontando quanto è accaduto dall’ottobre scorso ad oggi.
Va ricordato, a chi fa sempre finta di cadere dal pero, che il lavoro del MoVimento 5 stelle è un lavoro di squadra. Una squadra affiatata, informata e preparata che altri schieramenti politici di Nogara possono solo sognare. Il MoVimento 5 stelle di Nogara è formato da persone competenti che hanno la piena fiducia l’una dell’altra e che lavorano all’unisono per il bene del paese. Lavoriamo in totale trasparenza perché solo con la trasparenza si può avere la fiducia dei cittadini.

Share Button

Le opere inutili e i soldi che non ci sono

nogara-mare

L’autostrada Nogara-mare verrà realizzata con un Project-Financing del valore di 1960 milioni di euro. Soldi che dovranno mettere le generazioni future. Per capire come funziona questo meccanismo basta guardare il video di Ivan Cicconi, ingegnere ed esperto in appalti pubblici. Le Grandi Opere finiscono regolarmente a carico dello Stato, i cui costi sono occultati nei bilanci di società private. In sostanza ogni Grande Opera la pagano i cittadini attraverso le loro tasse per creare lavoro inutile in sé, ma utile ai partiti e alle lobby.
Si spenderanno 1,9 miliardi di euro per costruire un’autostrada che verrà pronta, bene che vada, fra vent’anni. In sostanza per le opere inutili i soldi si trovano sempre ma per le opere utili i soldi non ci sono mai. Vi siete mai chiesti a chi serve questa arteria? Un’autostrada che si sposterà verso Isola della Scala e partirà, secondo le ultime notizie, da Nogarole-Rocca anziché da Nogara, aumentando il tracciato di 22 chilometri e il costo di 500 milioni di euro.
I soldi per le cose che veramente servono non ci sono mai e si tagliano continuamente servizi. Nella nostra zona tutti gli ospedali per acuti sono praticamente chiusi. L’ospedale di Nogara non esiste più, l’ospedale di Bovolone non gode di buona salute, non parliamo della struttura di Zevio. Rimane solo l’ospedale di Legnago che attualmente serve un bacino pari a 300.000 persone. La sanità nella Bassa Veronese è stata sostanzialmente distrutta per i continui tagli, spesso senza capo né coda, che la politica ha ordinato e ordina in nome della “riorganizzazione” e della “razionalizzazione”.
Soldi per la sanità non ce ne sono mai, ma soldi da buttare nelle opere inutili come l’autostrada Nogara-mare ce ne sono sempre. Un’opera che devasterà il territorio e che non porterà nessun reale beneficio ai cittadini né all’economia della nostra zona.
Il tempo delle strade intese come sviluppo del territorio è finito. Solo i nostri politici, ormai antistorici, credono ancora che lo sviluppo passi per la distruzione del territorio. E’ doveroso ricordare che nessuna forza politica, da destra a sinistra passando per il centro, si è mai opposta alla realizzazione dell’opera.
Perché un cittadino non può scegliere quale opera sia opportuna per il proprio territorio? Perché non si chiede ai cittadini se spendere i soldi nell’autostrada o se investirli in strutture sanitarie? Questa politica ormai non rappresenta più il cittadino ma solo ed esclusivamente se stessa e gli interessi delle lobbie che la foraggiano continuamente. Una politica che decide sulle teste delle generazioni future, sacrificando risorse e territorio per opere di dubbia utilità.

Share Button
Pagine:12»

La pillola rossa

la-pillola-rossa

#fuoridalleuro

Raccolta firme per il referendum #fuoridalleuro

Meetup M5S Nogara

Meetup M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016