M5S Nogara: un’estate al lavoro

Share Button

estate_summer

Nelle ultime settimane abbiamo continuato a portare avanti il nostro impegno verso i cittadini che nel 2011 ci hanno dato fiducia. Una fiducia che crediamo ben riposta visto che l’unica opposizione in Consiglio Comunale a Nogara è, di fatto, il MoVimento 5 Stelle. Una fiducia che continua a spronarci per fare sempre di più e sempre meglio. Di seguito riportiamo un piccolo elenco delle ultime interrogazioni e mozioni che abbiamo presentato all’Amministrazione Mirandola.

spuntaIl 4 luglio abbiamo presentato l’interrogazione avente ad oggetto il finanziamento di progetto “Veneto WI-FI”. In sostanza chiediamo all’Amministrazione Comunale se si sia attivata concretamente per richiedere il “finanziamento di progetti presentati dai Comuni del Veneto per la realizzazione, estensione, potenziamento e aggiornamento tecnologico di reti wifi pubbliche: “Veneto Free Wifi”. Ricordiamo inoltre che  l’Amministrazione Mirandola deve ancora dare corso alla nostra mozione del WI-Fi gratuito a Nogara, votata più di un anno e mezzo fa all’unanimità.
Questo il testo dell’interrogazione: Interrogazione - Finanziamento WIFI (7)

spuntaIl 7 luglio abbiamo presentato la mozione avente ad oggetto l’accesso all’otto per mille per l’edilizia scolastica. Nella mozione, che sarà discussa in aula al prossimo Consiglio Comunale, impegniamo Sindaco e Giunta a presentare formale richiesta, entro e non oltre il 30 settembre 2014, per l’accesso ai fondi destinati dall’otto per mille all’edilizia scolastica pubblica.
Questo il testo della mozione: Mozione - 8 x 1000 (3)

spuntaIl 14 luglio abbiamo presentato l’interrogazione avente ad oggetto la tutela del commercio della piccola distribuzione. Nella sostanza chiediamo quali azioni concrete, l’Amministrazione Mirandola, sta mettendo in atto per la tutela del piccolo commercio nel nostro paese. Vi consigliamo di leggere l’interrogazione in quanto il testo è molto articolato.
Questo il testo dell’interrogazione: Interrogazione Tutela Piccolo Commercio (64)

spuntaIl 15 luglio abbiamo presentato l’interrogazione riguardante gli impianti fotovoltaici realizzati nel Comune di Nogara. Nello specifico chiediamo i dati inerenti alla produzione di energia elettrica degli impianti realizzati al centro sportivo di via Onesti e sul tetto del magazzino comunale.
Questo il testo dell’interrogazione: Interrogazione - Impianti fotovoltaici (5)

spuntaIl 17 luglio abbiamo presentato l’interrogazione avente ad oggetto l’utilizzo di fitofarmaci, diserbanti, disseccanti e pesticidi in genere, sul territorio comunale da parte dell’Amministrazione Comunale e da privati cittadini. Nel testo chiediamo se le varie leggi in vigore vengono rispettate ai fini della tutela della salute dell’ambiente e dei cittadini.
Questo il testo dell’interrogazione: Interrogazione - Fitofarmaci, diserbanti, disseccanti e pesticidi (6)

banner-mu-bassa-veronese-600x60

Share Button

Bastava leggere!

Share Button

banana

Del Consorzio per lo Sviluppo del Basso Veronese abbiamo parlato molte volte e abbiamo più volte scritto che si dovevano prendere in seria considerazione i “consigli” che la Corte dei Conti inviava ai soci del Consorzio. Ricordiamo che i soci, in questo caso, erano e sono i Comuni, tra cui figura anche Nogara, dove tra l’altro il Consorzio ha sede.
Nel 2012 in Consiglio Comunale (questo il video) chiesi spiegazioni ed invitai il Sindaco Mirandola ad attivarsi concretamente per togliere il Comune di Nogara dai soci del Consorzio. Questo avrebbe portato, non solo a non essere impanatati ora in una situazione a mio avviso grave, a far uscire il nostro Comune indenne e senza eventuale esborso di danari. Naturalmente non fui ascoltato e, anzi, fui addirittura deriso per la mia proposta giudicata “impraticabile”. La mia proposta era fondata e seguiva i consigli della Corte dei Conti la quale invitava a vigilare sui conti del Consorzio. A tal proposito il gruppo del M5S Nogara stilò una relazione che spiegai in Consiglio Comunale (questo il PDF).
Ieri il quotidiano L’Arena ha pubblicato un articolo dal titolo inequivocabile «Consorzio del Basso Veronese. L’ente adesso è in liquidazione». È proprio il caso di dire che era solo questione di tempo. Nell’articolo si legge «Provincia e Camera di commercio hanno deciso di mettere in liquidazione il Consorzio per lo sviluppo del Basso veronese, mentre i Comuni loro soci si barcamenavano nell’indecisione. I sindaci dei 29 paesi della pianura [...] hanno infatti scelto di astenersi in blocco. Una posizione che ha di fatto permesso l’approvazione della delibera con cui è stato dato incarico a Maurizio Dusi (già a capo della società legnaghese LeSe ed attuale presidente di Esa.Com., società pubblica che si occupa di rifiuti con sede nei locali concessi affitto dallo stesso Consorzio) di mettere in ordine i conti dell’ente e di porre fine al suo governo «politico». Quasi una resa, la loro, visto che se gli amministratori comunali non avessero partecipato alla votazione, la delibera non sarebbe stata valida».
L’articolo continua con la dichiarazione del Sindaco di Isola della Scala, nonché Presidente della Provincia di Verona, Giovanni Miozzi «Per la maggior parte degli amministratori, la scelta di astenersi dal voto è dovuta al fatto che non erano stati delegati dai loro consigli comunali a votare la liquidazione, mentre per altri si è trattato di una manifestazione di dissenso. In ogni caso, non c’erano altre soluzioni possibili, visto che ci sono stati richiami chiari da parte della Corte dei Conti». Come abbiamo più volte detto e scritto i richiami della Corte dei Conti sono stati chiari ed inequivocabili.
Il Comune di Nogara doveva uscire dal Consorzio per lo Sviluppo del Basso Veronese due anni fa, ovvero quando il MoVimento 5 Stelle in aula chiedeva che questo avvenisse in tempi rapidi per evitare il peggio.
L’Amministrazione Mirandola non ha seguito, come si doveva fare, la vicenda del Consorzio e non ha fatto nulla affinché il Comune di Nogara non fosse coinvolto in questa liquidazione annunciata. Bastava leggere i documenti e i bilanci. Ora il Consorzio è in liquidazione: provate ad interrogarvi su chi ricadranno eventuali sofferenze?

P.S. A questo link http://goo.gl/1Eeffm potete leggere una mia intervista al quotidiano L’Arena relativa alla questione Consorzio.

banner-mu-bassa-veronese-600x60

Share Button

Convegno Whistleblowing e Anticorruzione: proteggere chi denuncia

Share Button

Francesca Businarolo - Convegno Whistleblowing e Anticorruzione

Prosegue la battaglia in parlamento, da parte del Movimento 5 Stelle, per il riconoscimento di tutele e garanzie ai dipendenti, di strutture pubbliche e imprese private, che denunciano un episodio di corruzione, permettendo di recuperare soldi della collettività. Su questo tema sta lavorando da tempo, con un apposito disegno di legge, Francesca Businarolo, deputata veronese e membro della commissione giustizia.

Il provvedimento mira a proteggere quelli che all’estero si chiamano whistleblower, (letteralmente «soffiatori di fischietto»). Sono i lavoratori che nell’interesse pubblico segnalano comportamenti, anche dei propri superiori, che costituiscono reato. Si tratta di un’iniziativa che rovescia la concezione che vuole solo la magistratura o le forze dell’ordine nel ruolo di «addetti al lavoro» che hanno il compito di scoprire episodi di corruzione, in un clima generale di omertà da parte di chi si trova a diretto contatto con essi. Viceversa, questi reati possono essere portati alla luce più velocemente dalle persone oneste che se ne accorgono per prime. Per fare ciò, però, è necessario proteggerli: il dato di fatto è che essere “whistleblower” in Italia non conviene, anzi, si rischia di perdere il posto di lavoro. Altri paesi, tra cui gli Stati Uniti, prevedono anche un premio in denaro, proporzionale alla somma che è stata possibile recuperare.

Per poter portare avanti questa legge è necessario fare squadra: per questo è stata coinvolta una realtà come Libera, da anni impegnata nelle lotte contro tutte le mafie. Parteciperà anche questa associazione al convegno che si terrà mercoledì 16 luglio alle 16 nella sala Aldo Moro di Montecitorio, in diretta streaming sul canale YouTube M5sparlamento. Ci saranno anche due whistleblower che racconteranno la loro esperienza: Grazia Mennella, dipendente dell’Usl di Lecco, licenziata per aver girato delle cartelle cliniche «ad enti terzi», ossia la magistratura, allo scopo di provare una serie di illeciti ai danni della salute dei pazienti. Un comportamento tacciato come «infedele» dall’azienda sanitaria. Con lei anche Ciro Rinaldi, «colpevole» di aver denunciato dei colleghi fannulloni in un ufficio ministeriale.

Questa la proposta di legge depositata alla Camera dei Deputati: http://is.gd/oedLmO
Video illustrazione proposta di Legge: http://is.gd/zupIRF

banner-mu-bassa-veronese-600x60

Share Button

Incrocio di Montalto: dopo 6 mesi arriva la risposta!

Share Button

albero-semaforo

Il 10 giugno, dopo appena 6 mesi, è arrivata la risposta del sindaco Mirandola alla nostra istanza riguardante la sicurezza dell’incrocio di Montalto.

A riscontro della Sua richiesta del 08 gennaio u.s. relativa alla pericolosità dell’incrocio di località Montalto, si riscontra quanto segue:

- è stata verificata a fine gennaio da parte del personale comunale unitamente alla ditta FIS Fabbrica Italiani Semafori S.r.l., installatrice a suo tempo dell’impianto semaforico, la mancanza di dispositivi atti alla modifica degli intervalli di fermata richiesta per le ore notturne, rilevando nel contempo la necessità di provvedere alla sostituzione delle lanterne semaforiche ormai vecchie e opacizzate;

- nella stessa giornata è stato eseguito un controllo dell’impianto semaforico di via Caselle, verificando l’opportunità di provvedere anche qui all’esecuzione dei medesimi interventi;

- è stato pertanto acquisito nel mese di febbraio apposito preventivo di spesa sia per il cambio delle lampade che per l’installazione di sonde di regolazione dei tempi semaforici;

- con provvedimento di Giunta Comunale n. 34 in data 13.03.2014 è stato approvato il progetto preliminare inerente gli “interventi a favore della mobilità e sicurezza stradale” comprensivo degli interventi suindicati, richiedendo apposito contributo alla Regione ai sensi della D.G.R.V. n. 57 del 04.02.2014;

- con determinazione n. 56 in data 16.04.2014 del 3° Settore, considerata la pericolosità dell’incrocio di località Casotti, in attesa di poter provvedere al rifacimento completo dell’impianto si è provveduto alla sostituzione delle lampade semaforiche basse con nuove lanterne ad ottica a led.

Questo è quanto ci ha risposto il Sindaco, meglio tardi che mai e meglio questo che niente. Rimaniamo comunque dell’idea che l’incrocio di Montalto rappresenta una situazione di pericolo.

Share Button

Le “inesattezze” del Vicesindaco e le telecamere del MoVimento 5 Stelle

Share Button

pinocchio

Martedì sera si è svolto il consiglio comunale con la discussione, al punto due dell’ordine del giorno, del documento riguardante la sicurezza nel Comune di Nogara. La discussione è durata tre ore e ha visto la maggioranza presentare un documento elencando una serie di intenti e di “buoni propositi”. I consiglieri comunali Falco, Montemezzi ed Olivieri hanno presentato una mozione per chiedere di «dare il massimo risalto a quanto accaduto (aggressione del 9 giugno ai danni di Simone Basso n.d.r.), e di manifestare solidarietà alle vittime di tali intollerabili episodi di sangue» e «sollecitare ad organizzare una manifestazione ed una campagna di sensibilizzazione».
Il MoVimento 5 stelle ha presentato una mozione d’ordine (clicca qui per leggerla) per creare un fondo dove il Comune si impegna a versare danari per l’acquisto di sistemi di videosorveglianza. Nella nostra mozione chiedevamo all’amministrazione un versamento di 20.000 euro/anno per 5 anni. Il Sindaco ha accettato la nostra mozione modificando la cifra a 10.000 euro/anno. In qualità di consigliere comunale mi sono assunto la responsabilità di votarla anche con metà della somma da noi preventivata. Sono convinto che da qualche parte si debba iniziare e 10.000 euro/anno sono meglio di niente. Tutti e tre i documenti sono stati votati all’unanimità.
Durante la discussione il vicesindaco Pasini, coadiuvato dal sindaco Mirandola, ha citato il nostro post “La verità ti fa male lo sai“. Il vicesindaco ha suggerito di correggere il post perché, secondo lui, si racconta una bugia. «L’attuale amministrazione ha perso un contributo regionale per l’installazione del sistema di videosorveglianza nel paese in quanto ha sciolto, per chiara ed evidente volontà politica, la convenzione con il Comune di Isola della Scala per il servizio dei Vigili Urbani». In sostanza sia sindaco che vice sindaco hanno sostenuto che la convenzione con i Vigili Urbani di Isola della Scala è attualmente in essere. Ieri mattina mi sono preso la briga di andare in Comune e farmi dare copia della delibera n° 57 del 23/12/2008 avente ad oggetto: “Gestione in forma associata con il Comune di Isola della Scala del servizio di Polizia Locale: approvazione schema di convenzione e determinazione in merito“. Ho letto la delibera e ho la prova che quanto scrivevamo nel post era vero. L’art. 14 avente ad oggetto “Entrata in vigore e durata” recita:

La presente Convenzione entra in vigore dalla data della stipula, da effettuarsi dopo l’esecutività della deliberazione dei singoli Comuni aderenti. La durata della presente Convenzione è fissata in anni 5 dalla data della stipula. La stessa potrà essere sostituita da una nuova Convenzione prima della scadenza a seguito dell’attivazione del Distretto Provinciale VR5/A previsto dalla Delibera della Giunta Regionale Veneto n. 73 del 22/01/2008.

La Convenzione è terminata il 31/12/2013, quindi ad oggi non risulta più in essere. Per scrupolo ho interpellato anche gli uffici del Comune di Isola della Scala i quali mi hanno confermato che la convenzione tra i due Comuni non esiste più. In sostanza chi non la racconta giusta è proprio il vice sindaco e non il sottoscritto. Ho voluto farmi dare copia della delibera per avere la conferma di quanto già sapevo. Il problema non è la Convenzione ma il fatto che questa amministrazione ha perso il contributo regionale per l’installazione delle telecamere nel nostro Comune. Meno male che il MoVimento 5 stelle ha presentato la mozione che obbliga, qualsiasi sia l’amministrazione, a versare dei soldi vincolati all’acquisto di sistemi di videosorveglianza.
Aspettiamo con impazienza la costituzione del fondo e il primo versamento per l’anno 2014, oltre che l’installazione delle prime telecamere in paese. Stay Tuned!

Share Button

La verità ti fa male lo sai

Share Button

re-luciano

Al Sindaco Mirandola la verità fa male e quando se la sente dire si alza e se ne va. È questa l’idea di democrazia che anima il nostro Sindaco e la sua maggioranza. Ieri mattina in sala consiliare si è tenuto un incontro con tema la sicurezza, dove il Sindaco ha invitato l’onorevole Zardini (PD), la senatrice Bonfrisco (FI) e l’onorevole Bragantini (LN). L’onorevole Businarolo (M5S) non è stata invitata dal Sindaco ma dal sottoscritto in qualità di Consigliere Comunale. Il Sindaco invita gli onorevoli che a lui aggradano e non quelli che, facendo parte della Commissione Giustizia e del Comitato per la Legislazione, forse sono i più indicati per un vertice sulla sicurezza.
Il quotidiano L’Arena pubblica oggi un articolo sull’incontro dove il pubblicista scrive: “la riunione si è poi interrotta bruscamente quando il grillino Mirco Moreschi ha iniziato a lanciare invettive contro Mirandola che, abbandonando l’aula, ha ringraziato tutti i presenti e ha chiuso il vertice.” Io non ho lanciato nessuna invettiva e se ci fosse stata la diretta streaming (è sicuramente un caso che ieri non fosse prevista) era possibile verificare a posteriori che ho solo messo il Sindaco e la sua maggioranza difronte alle loro responsabilità.
In aula ho ricordato che l’attuale amministrazione ha perso un contributo regionale per l’installazione del sistema di videosorveglianza nel paese in quanto ha sciolto, per chiara ed evidente volontà politica, la convenzione con il Comune di Isola della Scala per il servizio dei Vigili Urbani. Una delle clausole della convenzione era proprio l’accesso ad un contributo regionale finalizzato all’acquisto di telecamere da installare nei punti più “caldi” del paese. Il contribuito è stato perso, poche balle!
Il Sindaco Mirandola, l’Assessore Poltronieri e l’Assessore Brunelli durante il mio intervento si sono alzati e se ne sono andati. Poltronieri alzando addirittura la voce all’indirizzo del sottoscritto. È singolare notare che solo tre esponenti della maggioranza erano presenti in aula, il vice sindaco Pasini era seduto fra il pubblico, gli altri non pervenuti.
Come MoVimento 5 Stelle abbiamo proposto un’azione concreta da fare subito: destinare 20.000 euro/anno per cinque anni per l’acquisto di un sistema di videosorveglianza. Il Sindaco non ha detto nulla, si è alzato ed è uscito dall’aula. Sappiamo tutti che le telecamere non sono la panacea di tutti i mali, ma siamo convinti che è meglio averle che non averle.
Ieri il Sindaco Mirandola si è comportato da vero maleducato sia nei confronti della minoranza, la quale va ascoltata anche se non piace quello che ha da dire, sia nei confronti degli ospiti Sindaci ed Onorevoli intervenuti al vertice. Un Sindaco che si rispetti sa che il termine democrazia significa, anche, che ci sia qualcuno che ti dica quello che non ti vuoi sentir dire.
Il Sindaco doveva farmi concludere il mio intervento e, se lo riteneva opportuno, controbattere con argomentazioni concrete. La verità è che il contributo è stato perso ed è stato perso durante il suo mandato. Non aveva risposte da dare e quindi ha preferito scappare assieme agli assessori. Caro Sindaco ti devi abituare al M5S, l’unica opposizione che si oppone!

P.S. Mi hanno informato che il Sindaco non gradiva la mia presenza all’incontro. Ecco spiegato il motivo del non invito all’onorevole Businarolo.

Share Button

I Padroni del Veneto

Share Button

i-padroni-del-veneto

“Buongiorno a tutti, mi chiamo Renzo Mazzaro, sono un giornalista di Padova, mi occupo di fatti veneti dal 1986. Mi è capitato di scrivere un libro che si chiama “I Padroni del Veneto”, questo libro è edito da Laterza, era in libreria il primo giugno 2012 e qualcuno ha detto che fosse un libro profetico. Parla di vent’anni di politica veneta, di come sono stati spesi i soldi dei veneti, nelle grandi opere venete, opere pubbliche, ma anche di altro, ora però mi trovo ad essere indicato come quello che aveva profetizzato quello che sta capitando adesso, il patatrack, il cataclisma, l’implosione di un sistema politico e imprenditoriale, la connessione tra politica e affari nel Veneto. Cortesemente ringrazio, però respingo questa qualifica, non sono un profeta, nel libro ovviamente non potevano essere indicati, perché non li conoscevo, i reati che saltano fuori adesso, gli appalti truccati, le tangenti e tutti gli altri comportamenti illegali che sono contestati alle persone arrestate. A iniziare dal 28 febbraio 2013 con il caso Baita – Mantovani, seguiti poi nel luglio 2013 con l’arresto dell’Ingegnere Giovanni Mazzacurati e adesso con questo ulteriore giro che prende dentro politici e amministratori, un sistema che era sotto gli occhi di tutti, sempre i soliti imprenditori che facevano tutti i lavori pubblici nel Veneto. Se poche imprese, sempre le solite, fanno tutto, come era chiaro, non dipendeva soltanto dalla capacità professionale che sicuramente c’è ma dipendeva dalla vicinanza e della connessione, dalla collusione con la politica, insomma, veniva ucciso il libero mercato, non c’era concorrenza, le opere costavano di più e noi contribuenti non potevamo essere d’accordo.

Si poteva forse ipotizzare spericolatamente, come si può sempre pensare, che potevano esistere dei corpi deviati dello Stato, ma non c’erano prove, c’era invece una coscienza precisa, e si sapeva, che il consorzio Venezia Nuova, concessionario unico delle opere del Mose, l’ente istituito nel 1984 con legge dello Stato italiano per fare tutto, cioè che si occupa degli studi, della progettazione e esecuzione delle opere non poteva stare in piedi, nell’84 aveva qualche senso, ma poi siamo andati in conflitto con le normative europee e non ci siamo mai allineati.  Il consorzio Venezia Nuova era il controllore di se stesso, non doveva rendere conto a nessuno, e ha consentito che mancassero i controlli, l’unico controllo che veniva fatto, era quello del magistrato alle acque. Adesso si viene a sapere invece che il magistrato alle acque, responsabile degli ingegneri responsabili, La Piva, Cuccioletta, erano a stipendio annuale, cioè da 400 a 500 mila euro, delle cose astronomiche. Avevamo un ente onnipotente che determinava se stesso, questa onnipotenza tecnica è andata a braccetto con una seconda onnipotenza, quella politica. Il Veneto non ha avuto ricambi dal 1995. Ora non è che si voleva che il centrosinistra esprimesse un Presidente della Regione se non aveva il consenso, ma certamente il centrodestra, che ha espresso sempre il governo del Veneto non ha avuto la capacità di rinnovarsi e i pochi, che poi vuol dire praticamente solo Galan e le poche persone che ruotavano intorno a lui. Come per il consorzio Venezia Nuova, l’ingegnere Mazzacurati, Pier Giorgio Baita e i pochi che ruotavano intorno a costoro, erano gli onnipotenti, queste due onnipotenze hanno creato un delirio, perché salta fuori adesso che erano tutti coperti.

Quando hanno arrestato Baita, io per primo ho fatto un salto sulla sedia, non mi sarei mai immaginato, perché era già stato arrestato nella tangentopoli del 1992, aveva fatto tutta la trafila, era già stato in carcere, il processo, era venuto fuori a testa alta, uno così non va in galera una seconda volta, mi dicevo io, e se va in galera ci sta un minuto. Dopodiché ha un’assicurazione sulla vita tra virgolette che lo tira fuori e dice: “Ho dovuto fare questo e questo altro, ecco qui perché!” No, c’è stato 106 giorni in carcere, perché? Perché la sua assicurazione sulla vita era che non doveva andare in carcere, cioè si è capito, pagava tutti, stavano dentro tutti, dalla Guardia di Finanza, dai controllori, sia politici che tecnici, c’era il mondo che prendeva i soldi invece grazie al lavoro encomiabile di tre magistrati, di tre sostituti giovani, che hanno resistito a pressioni di ogni genere! C’era qualcuno di loro, che si portava a casa il lavoro, si portavano le carte tutte le sere a casa e addirittura le imboscavano di qua e di la, perché temevano essere oggetto di furto. Si pensi al generale della Guardia di Finanza arrestato dai suoi subalterni, non era evidentemente una situazione agevole per un’inchiesta, che è stata portata a termine con determinazione e soprattutto anche al di là di ogni possibile accusa, per esempio una settimana dopo le elezioni, in modo da non essere accusati di una giustizia a orologeria.

Vogliamo dire che è un problema di persone? Non so, che cosa vogliamo cambiare? La antropologia umana? Vogliamo fare una riforma della natura umana? Potremmo anche imbarcarci in questa operazione, certamente non è una operazione da politico, casomai da educatore, cioè voglio dire qui ci sarà sempre la tentazione, la tentazione fa l’uomo ladro e ogni uomo ha il suo prezzo, cioè queste sono cose vecchie come il mondo, pensare che dipenda dagli onesti, disonesti, uno è naturalmente onesto o disonesto, per piacere. È una falsa impostazione. Almeno nel caso del Veneto, si è visto benissimo, c’era la politica, i politici che pensavano di essere onnipotenti e di durare in eterno e i tecnici che avevano creato uno strumento impenetrabile, incontrollabile e per i controlli che potevano essere fatti avevano comprato i controllori. Addirittura faceva venire in mente Melampo che nel libro di Pinocchio è messo a guardia del pollaio che si mette d’accordo con le faine, che allora entrano e danno una gallina anche a lui, cioè è sistematico, però è una cosa che è sempre successa, non era diciamo uno stipendio annuale, che durava da anni e anni, io trovo veramente che qui mancavano le regole, altro che la natura umana. Il consorzio Venezia Nuova doveva essere sottoposto a normative europee e invece si sono sempre difesi e si capisce bene perché l’hanno fatto, perché conveniva!

Questo libro mi porta a avere contatti con tante persone che ti domandano: “E allora che cosa fare?”, io sono esattamente come uno di quelli che guardano me e che mi parlano, io non ho ricette, però cercherei di non essere così disfattista e pessimista, io vedo nell’intervento di questi magistrati giovani, primo, che hanno remato contro i propri uffici, e non dico della procura di Venezia, ma in generale, e dei finanzieri, che avevano dentro la finanza corpi separati di comandanti che operavano praticamente per segarli, vedo in questi comportamenti speranza, cioè le istituzioni, lo Stato, ha qualche organismo almeno capace di aggredire questa forma di cancro, per cui ognuno di noi deve pensare che non sono le non è che il decadimento arriva dalla Svizzera o piuttosto che Renzi e da Roma, ha a che fare con ognuno di noi, anzi secondo me dobbiamo chiederci, noi veneti per lo meno, dove eravamo quando questo sistema andava a tutto vapore? Cioè eravamo magari in prima fila a battere le mani per le inaugurazioni, per il taglio del nastro, non lo so ecco, perché la cosa più singolare è che in questa faccenda tutti sapevano, soprattutto gli imprenditori che erano esclusi dal giro, e allora questi arrivavano sempre ai giornali, i giornalisti, e qualche politico coraggioso, controcorrente, denunce che le cose non potevano andare avanti così, ma nel momento in cui servivano riscontri, non c’era nessuno disposto a fornirli, perché? Perché il sistema ha fatto in modo che chi era fuori desiderava entrare, e se parli non entri, chi è dentro perché dovrebbe parlare? Scusa, finisce la cuccagna, e dunque eccolo qua! Inutile aspettarsi cambiamenti dall’esterno o deplorare questa situazione, bisogna cercare di capire che ognuno di noi può mettere in moto un meccanismo con il voto, per esempio! Passate parola, grazie del fatto che passerete parola e che mi avete ascoltato.”

Tratto dal Blog di Beppe Grillo

Share Button

TASI e mettiti in fila!

Share Button

fila

Mentre il Sindaco si diverte a prendere per il culo il “grillino” su Facebook, i nogaresi fanno code chilometriche per farsi calcolare la TASI presso gli uffici comunali. In uno dei suoi ultimi post su Facebook scrive: “il blogger de noantri ha ringraziato le 730 persone che hanno dato il voto a Nogara a M5s. Giusto. Io ho anche grande stima per le oltre 500 che non gliel’hanno più dato” (schermata). In fondo il Sindaco sbeffeggiandomi si diverte con poco.
Meno divertiti sono tutti quei nogaresi che si vedono costretti a rimanere in fila ore ed ore e tutto questo per pagare! Ma se la TASI è di fatto la Tassa per i Servizi Indivisibili comunali, rimanere in fila per ore che tipo di servizio è? E pensare che era sufficiente rimandare la prima scadenza al 16 ottobre.

Arrivano in questi giorni delle importanti novità sul fronte della Tasi, la nuova imposta comunale sugli immobili, la cui prima scadenza, quella relativa alla prima rata, era fissata per il 16 giugno prossimo. Ma l’ultimo consiglio dei Ministri ha approvato il rinvio di questa data al prossimo 16 ottobre, almeno per i Comuni d’Italia che non sono ancora in regola con la presentazione delle aliquote. I Comuni interessati, quindi, dovranno deliberare entro il prossimo 10 settembre 2014 le aliquote e le detrazioni consentite. Per gli altri comuni, invece, quelli già in regola con le deliberazioni, la data di scadenza prefissata resta quella del 16 giugno 2014. Si tratta di circa 2000 comuni. Nel caso limite in cui il 10 settembre non vi fossero ancora delibere approvate, l’imposta da pagare dovrà essere calcolata con una aliquota base dell’1 per mille entro il 16 dicembre 2014 (Leggi l’articolo completo).

Secondo quanto scritto nell’articolo l’ultimo consiglio dei Ministri ha approvato il rinvio di questa data al prossimo 16 ottobre, i Comuni interessati dovranno deliberare le aliquote entro il 10 settembre prossimo. In sostanza non c’era nessuna fretta di approvare la TASI e, di fatto, l’Amministrazione Mirandola ha scelto deliberatamente di complicare la vita ai nogaresi. Come se non bastasse il sito dell’ANSA, il 4 giugno scrive che il Ministero dell’Interno anticiperà entro il 20 giugno ai Comuni ritardatari fondi per il 50% del gettito annuo della Tasi, stimato ad aliquota base. Oltre al danno la beffa! Bastava rinviare tutto al 16 ottobre e si disponeva del tempo necessario per permettere agli uffici comunali di preparare ed inviare a domicilio i bollettini precompilati! Cominciate a chiedervi perché si pagano le tasse, visto che l’Amministrazione Comunale in carica non fornisce un servizio semplice come l’invio a domicilio dei bollettini.
Sindaco e maggioranza hanno altro a cui pensare. Sindaco e maggioranza hanno buon tempo da passare su Facebook a prendere per il culo il consigliere comunale del M5S e tutti quelli che lo hanno votato. Caro Sindaco quando te ne vai è sempre troppo tardi.

P.S. Ci hanno informato che alcuni esponenti ed amici della maggioranza girano per il paese giustificandosi con i cittadini con la frase “se il pagamento della TASI veniva rinviato ad ottobre si incorreva in altre spese per il Comune”. Di fatto basta leggere gli articoli che parlano del rinvio della tassa. Per quanto ci riguarda chi racconta balle deve andare a casa!

P.S. 2. TASI e fa la fila (72) è il volantino distribuito domenica mattina in piazza a Nogara.

Share Button
Pagine:1234567...25»

testata-newsletter

Sostieni il M5S Nogara

La denuncia

scudo-della-rete

Consiglio Comunale

banner_consiglio_comunale

Parlamento 5 Stelle

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

Camera dei Deputati

Montecitorio 5 Stelle

Senato della Repubblica

senato5stelle

Meetup Bassa Veronese

banner-mubv

Il Movimento 5 stelle sostiene

LRZ_logo

banner-porta-la-sporta

Servizi per i cittadini

indennità-sindaco-assessori-small

Decoro Urbano - We DU!

La mappa delle centrali a biogas

Seguici su Twitter

Google Plus

Hangouts

Risultati Elezioni Politiche 2013 – Nogara

banner_politiche_2013

Video

Produzioni Dal Basso

banner-una-montagna-di-balle

banner-genuino-clandestino

Amministrative 2016